Fact checking

Su Bibbiano il M5S ha definitivamente perso il senso del pudore

@Giovanni Drogo|

foglio m5s bibbiano - 4

Oggi il Foglio ha fatto notare che nell’orribile caciara su Bibbiano con i molteplici inviti a “parlare di Bibbiano ” e Luigi Di Maio che definisce il Partito Democraticoil partito di Bibbiano” il MoVimento 5 Stelle sta dimenticando un punto fondamentale. Il partito di Di Maio ha effettuato una donazione alla Onlus Hansel&Gretel al centro dell’inchiesta (il cui presidente Claudo Fotì è stato scarcerato ieri).

Le bufale del M5S su Bibbiano

Il Foglio non ha scritto nulla di falso. È vero che non sa è che proprio la Onlus Hansel e Gretel è stata destinataria di una donazione da parte del MoVimento 5 Stelle Piemonte, che lo ha annunciato il 24 maggio 2019. L’associazione è una delle undici cui sono stati destinati 195mila euro frutto del taglio degli stipendi dei consiglieri regionali piemontesi. Il fatto naturalmente non costituisce un reato né consente di dire che in qualche modo il M5S è “il partito di Bibbiano” perché è del tutto evidente che i consiglieri pentastellati non erano a conoscenza dell’inchiesta né della storia dei presunti abusi. Anche se per la verità della Onlus se ne parlava già all’interno del libro-inchiesta “Veleno” scritto da Pablo Trincia e pubblicato ad aprile.

foglio m5s bibbiano - 1

Nella migliore tradizione dello “specchio-riflesso” il MoVimento 5 Stelle se la prende con il giornale diretto da Claudio Cerasa che evidentemente parla sì di Bibbiano (come chiedono tutti a gran voce) ma lo fa nel modo “sbagliato”, vale a dire sgradito al M5S. In fondo cosa ha scritto di falso oggi Ermes Antonucci quando ricorda la vicenda della donazione e quando fa notare come da quando è esploso il caso Bibbiano il M5S abbia alimentato la rabbia di quelli che se ne vanno in giro a disseminare l’hashtag #PDofili? Che la donazione ci sia stata lo ammette perfino il M5S oggi, che però al tempo stesso bolla come “bufala” la notizia del Foglio che utilizza la stessa logica pentastellata sul “partito di Bibbiano” trasferendola dal PD al M5S per dimostrare come sia un’accusa senza senso.

foglio m5s bibbiano - 2
Tratto dal post di Luigi Di Maio del 27 giugno 2019 [Fonte]

Non è forse vero che il 27 giugno scorso il Capo Politico del M5S ha pubblicato su Facebook una foto dove si legge “arrestato Andrea Carletti sindaco PD di Bibbiano” e poi un virgolettato fuori contesto “affari con i bimbi tolti ai genitori” che lasciava intendere che fosse proprio Carletti a fare affari grazie ai presunti abusi? In quel post Di Maio, parlando di un’inchiesta ancora aperta che non è nemmeno arrivata a processo scriveva: «quello che viene spacciato per un modello nazionale a cui ispirarsi sul tema della tutela dei minori abusati, il modello “Emilia” proposto dal PD, si rivela oggi come un sistema da incubo: bambini ”selezionati” e sottratti illegittimamente alle famiglie, per poi venire consegnati in una sorta di “affido horror” a personaggi discutibili, tra i quali titolari di sexy shop, pedofili, gente con problemi mentali».

Tutte le volte che il M5S poteva diventare “il partito di..”

Tutto il post, e i successivi da parte di altri esponenti del partito del vicepremier, trasudano la volontà di inchiodare il PD alla storia degli abusi. Questo dimenticando non solo le donazioni ma anche il fatto che una consigliera M5S sia l’avvocato difensore di una delle psicologhe arrestate. Ma soprattutto c’è una completa e volontaria distorsione dei fatti dell’inchiesta che vedono il sindaco del PD indagato con l’accusa di abuso d’ufficio e falso. A precisarlo era stato subito il procuratore Mescolini che aveva spiegato che a Carletti «viene contestato di aver violato le norme sull’affidamento dei locali dove si svolgevano le sedute terapeutiche, ma non è coinvolto nei crimini contro i minori» e che i fatti contestati non riguardano un coinvolgimento diretto nella gestione degli affidi e nei presunti abusi.

taverna bibbiano m5s - 1

In piena crisi da qualcuno pensi ai bambini oggi sul Blog delle Stelle è comparso un post dove si dice che al Foglio «non si sognano nemmeno di sottolineare che l’amministrazione Pd avrebbe dovuto vigilare per impedire quanto accaduto». Una linea assai interessante. Perché guarda caso la si può applicare benissimo anche a Virginia Raggi. Non risulta però che qualcuno nel MoVimento 5 Stelle abbia detto che la sindaca doveva vigilare sul caso Marra, sulla vicenda che ha portato l’arresto di Lanzalone (uno nominato proprio dal M5S) o su quella che ha portato all’arresto di Marcello De Vito. Anzi riguardo all’inchiesta sul Presidente dell’Assemblea Capitolina il MoVimento si è lungamente vantato di “avere gli anticorpi“. Questo naturalmente dopo l’arresto, prima nessuno stava vigilando. In tutti i casi in cui un esponente del M5S è stato raggiunto da un’avviso di garanzia o è finito al centro di un’inchiesta i grillini hanno sempre detto che bisognava prima vedere le carte. Nel caso di Bibbiano il giudizio è arrivato il giorno stesso della conferenza stampa dei Pm.

foglio m5s bibbiano - 3

Ma nessuno ha mai detto che il M5S è il partito di Lanzalone e guai a dire che è il partito di De Vito (anche se a tutti gli effetti è vero). Non sognatevi nemmeno di dire che il MoVimento 5 Stelle è il partito di Siri (il primo aveva patteggiato per bancarotta) o quello di Rixi. Non tanto perché i due siano iscritti alla Lega ma quanto per il fatto che facessero parte del governo assieme al M5S. Anzi in questi ultimi due casi c’è stato chi ha avuto il coraggio di dire che se non ci fosse stato il M5S certe cose non sarebbero venute fuori e quei due sarebbero ancora al governo (con il M5S). A proposito di pudore qualcuno per caso sa e il M5S è il partito di Salvini? Perché risulta che il MoVimento 5 Stelle abbia salvato il ministro dell’Interno da un’accusa piuttosto grave: quella per sequestro di persona. Con questo non stiamo certo dicendo che Salvini è colpevole, però a differenza di Carletti non dovrà nemmeno difendersi in un processo dalle accuse a suo carico.

Leggi sull’argomento: Che ci facevano gli esperti vicini a Scientology al convegno su Bibbiano alla Camera?