Attualità

La consigliera M5S avvocata della psicologa indagata per Bibbiano

andrea carletti sindaco bibbiano

Nei giorni scorsi abbiamo parlato della donazione del MoVimento 5 Stelle alla Onlus Centro Studi Hansel e Gretel, i cui titolari sono indagati nella vicenda di Bibbiano insieme al sindaco PD del paese Andrea Carletti, nei cui confronti i pubblici ministeri ipotizzano il reato di abuso d’ufficio.  La Onlus era finita nella bufera anche all’epoca dell’inchiesta Veleno.

La consigliera M5S avvocata della psicologa indagata per Bibbiano

Ora però Reggionline scrive che l’avvocato Rossella Ognibene ha assunto la difesa di una delle principali indagate nell’inchiesta di Bibbiano, ovvero Federica Anghinolfi, responsabile dei servizi sociali dell’Unione Val d’Enza, finita ai domiciliari: “E Rossella Ognibene non è solo una stimata professionista, ma è a sua volta un esponente politico di primo piano del M5Stelle, ex candidata sindaco e capogruppo nel Comune di Reggio”, sottolinea il quotidiano per far comprendere che la strumentalizzazione politica in questi casi è insensata.

hansel e gretel m5s piemonte

Carletti è accusato di aver dato copertura politica al giro di affari illecito che coinvolgeva anche la onlus di Torino Hansel e Gretel, come ha puntualizzato il procuratore capo di Reggio Emilia Marco Mescolini: “Il sindaco risponde di abuso d’ufficio e falso, e risponde esclusivamente di questo”. A Carletti non e’ contestato, come peraltro aveva scritto il nostro giornale, “il concorso nei delitti che li’ avevano luogo”, ha detto.

La donazione del M5S alla Hansel e Gretel

La Onlus Hansel e Gretel è stata destinataria di una donazione da parte del MoVimento 5 Stelle Piemonte, che lo ha annunciato il 24 maggio 2019:

“Oggi consegniamo 195mila euro ad undici Associazioni di volontariato che, ognuna nel proprio settore, contribuiscono a migliorare la nostra Regione: Banco Alimentare, Fondazione Operti, Centro Studi Hansel e Gretel, Caritas, Società Meteorologica Italiana, Protezione Civile Coordinamento Piemonte, AIDO – Donatori organi, Unitrè Piemonte e ALMM – Lotta Malattie Mentali, CPD – Consulta persone in difficoltà, DIAPSI Piemonte”.

La Onlus all’epoca della donazione da parte del M5S era già stata chiamata in causa dall’inchiesta Veleno di Pablo Trinca. Oggi il M5S Piemonte chiede la restituzione della somma.

Leggi anche: A Torino hanno paura di una Sea Watch di cartone