Trend

La storia di Fedez e del Campione Mondiale di memoria cacciati da un casinò di Las Vegas | VIDEO

neXt quotidiano|

Fedez

Aveva annunciato la sua intenzione di farsi cacciare da un Casinò nel corso di una delle ultime puntate di “Muschio Selvaggio”, la sua trasmissione in podcast. E Fedez è riuscito in questa “impresa” a Las Vegas. Accompagnato dal Campione di poker Dario Sammartino, dal Campione italiano e mondiale di memoria Andrea Muzii e da Luis Sal, il rapper di Rozzano ha voluto testare la possibilità di “barare” utilizzando le abilità mnemoniche del campione. Alla fine, dopo aver vinto circa 800 euro, i dipendenti della struttura hanno invitato i quattro ad allontanarsi. Nonostante la legge non impedisca, nei Casinò americani, di “contare le carte”.

Fedez “cacciato” da un Casinò di Las Vegas

Uno stratagemma da film, quello che ha visto come protagonisti Fedez, Andrea Muzii, Dario Sammartino e Luis Sal. Perché grazie alle abilità mnemoniche del Campione Mondiale di memoria, i quattro sono riusciti a guadagnare circa 800 dollari prima di essere “scoperti” ed essere costretti ad abbandonare il tavolo verde da gioco:

“Siamo appena stati cacciati dal primo casinò, è andata bene perché abbiamo vinto parecchio. Però devo dire che dà molta soddisfazione il fatto che le mie capacità intellettuali siano una minaccia per il fatturato di un’impresa miliardaria, mi eccita”.

Muzii ha utilizzato le sue capacità per giocare e vincere al Blackjack (uno dei tanti giochi tipici del Casinò), riuscendo nel suo intento. Perché i dipendenti di quel Casinò di Las Vegas si sono accorti solo dopo diverso tempo della sua abilità di “contare” e memorizzare le carte. E si tratta di un comportamento che non è vietato negli Stati Uniti, ma certamente poco tollerato. Infatti, Fedez e gli altri non sono stati tecnicamente “cacciati” dal Casinò, ma sono stati invitati – dopo aver racimolato oltre 800 dollari – ad abbandonare il tavolo verde da gioco per evitare di generare frizioni con gli altri giocatori presenti.