Trend

La risposta epica di Greta Thunberg alle provocazioni dell'ex kickboxer Andrew Tate

neXt quotidiano|

Andrew Tate Greta Thunberg

Era stato bannato per cinque anni dalla vecchia “gestione” Twitter a causa delle sua condivisioni compulsive di contenuti offensivi e misogini. Poi, con l’arrivo di Elon Musk alla guida del social, è arrivata la “grazia” ed Andrew Tate – ex campione di kick boxing – è tornato in pompa magna a far sentire la sua voce, sempre in linea con quei pensieri che provocarono la sua sospensione (anche su Youtube). Poi, qualche giorno dopo il suo ritorno, ha provato a provocare l’attivista svedese per il clima Greta Thunberg, ma la risposta della giovane è stata pressoché perfetta.

Andrew Tate provoca Greta Thunberg e lei lo blasta su Twitter

Nella giornata di martedì 27 dicembre, infatti, Andrew Tate ha pubblicato sul suo profilo Twitter una sua foto mentre era impegnato nel fare rifornimento a una delle auto di lusso presenti nel suo garage: una Bugatti. L’immagine era accompagnata da questo commento:

“Io ho 33 macchine. La mia Bugatti ha un motore W16 da 8 litri con turbo quadruplo. Le mie DUE Ferrari da competizione hanno un V12 da 6 litri e mezzo. Questo è l’inizio. Per favore, inviami il tuo indirizzo email così che possa mandarti una lista completa delle mie macchine e le loro enormi emissioni”.

Il tutto introdotto da un sarcastico e provocatorio saluto: “Ciao Greta Thunberg”. Con tanto di tag al profilo dell’attivista. Ma la giovane svedese ha risposto per le rime a tutto ciò, inviando all’ex kickboxer un indirizzo e-mail alquanto curioso:

“Sì, ti prego, illuminami. Scrivimi pure a smalldickenergy@getalife.com”.

La traduzione di quell’indirizzo e-mail (inesistente)? “Complessodapenepiccolo@fattiunavita.com”. Poche parole, con un concetto chiarissimo per rispedire al mittente la sua provocazione. Un colpo basso che ha provocato la reazione incomprensibile di Andrew Tate che ha provato a usare l’ironia per replicare all’attivista.

“Grazie per aver confermato tramite il tuo indirizzo email che hai un pene piccolo. Il mondo era curioso. E sono d’accordo che dovresti farti una vita”. O non ha capito la risposta, o il colpo inferto da Greta Thunberg l’ha lasciato in stato confusionale.