L’ultima frontiera della propaganda di Salvini: sei forte papà

di Giovanni Drogo

Pubblicato il 2020-02-21

Dalle parti del quartier generale della comunicazione della Lega è stato attivato di nuovo il protocollo Salvini eroe dei bambini, ma è mai possibile che tutte le volte che andiamo in campagna elettorale Luca Morisi gli dice: “Gli animali non hanno ombrello/ E non portano mai il cappello/ Piove tanto e si sono bagnati/ Sono già tutti raffreddati/ Che si fa? Chi li aiuterà?”

«Gli italiani aspettano la legge, fortemente voluta dalla Lega, sulle telecamere in asili, case di riposo, strutture per disabili», così qualche giorno fa Matteo Salvini a proposito della proposta di legge per un servizio di videosorveglianza negli asili. Il nostro, è cosa nota, è un tipo d’uomo particolare: ministro e papà di tutti gli italiani, specialmente dei più piccoli (ma non dei figli di Rom, Sinti e migranti). E che Salvini ai bambini voglia bene lo dimostra il triste spettacolo della bambina “non di Bibbiano” fatta salire sul palco a Pontida oppure di tutte le volte che ha pubblicato le foto della sua principessa per fare un po’ di propaganda.

Salvini il papà-supereroe più amato dai bambini

Perché Matteo Salvini – a dispetto di tutti quei cattivoni che dicono che mette alla gogna i figli degli altri – è un papone dal cuore d’oro. Certo, qualche volta se la prende con fantomatici “figli confezionati” che arrivano con i barconi dall’altra parte del mondo. Ma lui fa di tutto per ricordarci che ai bambini vuole bene, ad esempio mettendo una musichetta strappalacrime in sottofondo al suo discorso a Palazzo Madama in occasione del voto sull’autorizzazione a procedere mentre raccontava di aver ricevuto un messaggio dal figlio che prima di andare a scuola gli aveva scritto “forza papà”.

matteo salvini bambini - 2

Insomma la fissazione per i figli è uno dei leit motiv di quel gran genio della comunicazione che è Luca Morisi. E non è un caso che proprio mentre la Lega si lamenta che in Parlamento hanno detto no alla sua proposta di legge sulle telecamere negli asili Salvini sia tornato a pubblicare una gran quantità di materiale propagandistico sui minori. Perché alla Lega la strumentalizzazione dei bambini non va giù solo quando è la famigerata propaganda gender o buonista a farlo. Prova ne è il fatto che oggi il leader del Carroccio ha pubblicato un video mentre riceve il gradito omaggio di un disegno da parte di Andrea, un bambino di cinque anni che lo considera un supereroe. E siccome Salvini difende i diritti dei bambini non ha alcun problema a pubblicare il video con il volto non censurato di Andrea e a mostrare alla telecamera il disegno, firmato con nome e cognome.matteo salvini bambini - 4

Ma non c’è solo il piccolo Andrea. Ieri abbiamo assistito in adorazione alla saga di Bianca, una bambina di Chieti che ha fatto un grazioso disegno con scritto forza Lega e annesso ritratto di Salvini e un cuore grande così dove si legge Matteo ti voglio tanto bene. Adorabile. Matteo non perde tempo e annuncia che di lì a poco sarebbe andato a conoscere Bianca per ringraziarla.

matteo salvini bambini - 3

Tempo un paio d’ore ecco l’aggiornamento: una bella foto di Bianca con il suo bel disegno assieme a Salvini. Il volto nell’originale non è censurato, ma che importa, tanto lo staff della comunicazione ha appiccicato sulla foto un bellissimo cuoricione rosso.

Matteo Salvini operazione super-papà!1

La Lega è davvero il nuovo partito dell’amore che vince sull’invidia e sull’odio. Due giorni fa ecco un altro posto sul tema sono il papà più amato d’Italia. Questa volta è Emanuela, una fan, a regalare al sedicente Capitano un bel ritratto del Salvini sorridente con la figlia Mirta in braccio.

matteo salvini bambini - 5

A San Valentino l’orgoglioso papà-Matteo invece ha pubblicato una foto di una “riunione” di bambini e bambine intenti a fare quello che generalmente fanno i bambini quando non vengono utilizzati per la propaganda della Lega: giocare.

matteo salvini bambini - 7

Non mancano ovviamente foto – rigorosamente di spalle – della figlia mentre si gode una giornata di divertimento al Luna Park del Castello a Milano. Salvini da papà fiero e felice documenta tutto: dalle corse in autoscontro al giro di giostra sul calcinculo “un gioco sempre attuale”. Ah che belle le tradizioni di una volta. Che bella l’infanzia e quanta nostalgia di quando eravamo tutti bimbi spensierati (vi ricordate il racconto sul pupazzetto di Zorro del piccolo Salvini rubato da ignoti?). Quel geniaccio di Morisi sa benissimo che i bambini sono intoccabili (dagli altri). E noi che possiamo dirgli se non limitarci a cantare tutti in coro Sei forte papà Salvini!

Leggi anche: Tutti i saluti romani di Fratelli d’Italia che Giorgia Meloni dice di non aver visto

Potrebbe interessarti anche