Politica

Il metodo Medjugorje di Salvini per capire che Conte mente sul MES

Matteo Salvini ha un metodo per capire chi mente e lo ha spiegato ieri a Porta a Porta, davanti a un Bruno Vespa solitamente rispettoso dei dettami delle gerarchie vaticane ma che nell’occasione ha dimenticato di ricordare al Capitano che il Papa ha già bocciato il santuario mentre il vescovo di Mostar ha esplicitamente parlato di imbroglio. “Ieri c’è stato un messaggio – per chi crede – della Madonna di Medjugorje che invitava a giudicare le persone dallo sguardo. Lo sguardo di Conte è quello di uno che scappa”, ha detto Salvini.

Il metodo Medjugorje di Salvini per capire che Conte mente sul MES

Il metodo Medjugorie di Salvini per capire che Conte mente sul MES quindi potrebbe quindi essere utilizzato anche su di lui.  L’ex vicepremier del Governo che ha partecipato alla trattativa per riformare il MES e che sostiene di non aver mai saputo nulla ha dichiarato che «la riforma metterebbe in mano a un organismo privato la possibilità di decidere a chi dare e a chi togliere i soldi». A prescindere dal fatto che Salvini sapesse o meno che cosa era la riforma del MES (e lo sapeva) c’è un punto fermo. Il MES non è un organismo privato. Il fatto che Salvini continui a ripeterlo non lo rende una cosa vera. E il fatto che nessuno glielo faccia notare è sintomatico di un problema del giornalismo italiano. Perché il MES funziona così: ogni Stato membro versa del capitale in base ad una quota. L’Italia con il 17% delle quote del Fondo è il terzo paese dopo Germania, che ne detiene il 26%, e Francia che ne detiene il 20%. Queste non sono informazioni segrete o nascoste: sono pubbliche.

salvini mes privato balle -1
Fonte: La Stampa del 29/11/2019

In più va ricordato che Salvini era stato debitamente informato delle intenzioni del Governo (il Conte 1) il quale auspicava l’introduzione del meccanismo di backstop per la risoluzione delle crisi bancarie (che è cosa diversa dal Fondo Salva Stati che interviene – nomen omen – per aiutare gli Stati). Ma Salvini alla Stampa dice altro. Dice che «Conte dal vecchio governo Lega-Cinque Stelle ha avuto il mandato a non autorizzare nulla di quanto stiamo parlando».

Salvini e la madonna di Medjugorie

Falso perché ad esempio nella Relazione presentata dall’Allora ministro per gli Affari Europei Paolo Savona (e approvata dalle commissioni di Camera e Senato) si legge che «il governo ha sempre sostenuto la necessità del meccanismo di backstop». «Ci sono documenti e messaggi che confermano quello che dico», continua Salvini. Ma forse ci saranno solo i messaggini che Salvini non pubblica, perché al di là delle dichiarazioni fatte in Aula il Governo (quello di cui faceva parte Salvini) si è mosso in un’altra direzione. E siccome non è la prima volta che la Lega dice una cosa e poi al Governo ne fa un’altra è lecito dubitare della sincerità del Segretario del Carrocciosalvini mes privato balle - 3

Ci sono i documenti, come quello del servizio studi del Senato pubblicato dalla professoressa Veronica De Romanis su Twitter che sembrano dimostrare il contrario di quello che dice Salvini. Ovvero che il Parlamento veniva costantemente informato delle modifiche al trattato che istituiva il MES apportate dall’Eurogruppo il 14 giugno 2019. E anche le modifiche, confrontate con la versione originale del MES non sembrano poi cose così eccezionali.

salvini mes privato balle - 5

Prendiamo ad esempio il famigerato Articolo 35. C’è chi sostiene che «la cosa più aberrante della riforma del MES, il cosiddetto fondo salva Stati, è l’articolo35 contenuto in questo trattato». Qualche giorno fa l’europarlamentare di Fratelli d’Italia (ex Forza Italia) Elisabetta Gardini ha sostenuto che «i membri del Mes godranno dell’immunità totale» insomma un vero e proprio scudo penale. Ora è interessane osservare lo specchietto riassuntivo che mostra come il testo sia identico a quello ratificato nel 2012 dal nostro Parlamento (anche con i voti dei parlamentari del Popolo delle Libertà). C’è chi vuole fare un rosario per Salvini nel giorno del processo per vilipendio alla magistratura. Magari conviene chiedere anche perdono per altro. Magari la Madonna di Medjugorie si arrabbia.

Leggi anche: Il rosario per Salvini nel giorno del processo per l’ex ministro