Politica

Modena non si lega e Salvini scappa da 7mila Sardine

sardine contro salvini modena non si lega

Il popolo delle ‘sardine‘ risponde in massa anche a Modena nel giorno dell’appuntamento elettorale di Matteo Salvini. Dopo aver riempito piazza Maggiore a Bologna, infatti, si è riempita anche Piazza Grande a Modena. Secondo le stime sono tre le sei e le settemila le persone che hanno raggiunto piazza Grande, nonostante la pioggia battente che sta interessando tutto il territorio Modenese. I manifestanti, sotto gli ombrelli aperti, hanno intonato ‘Bella Ciao’ è ripetuto lo slogan ‘Modena non si lega’.

Modena non si lega e Salvini scappa dalle Sardine

“Loro queste cose non le sanno fare”, hanno detto gli organizzatori dell’iniziativa, giovani bolognesi, facendo riferimento al “populismo di destra”. La folla, che ha riempito piazza Grande completamente con gli ombrelli a causa della pioggia incessante, ha riposta con lo slogan già sentito a Bologna, ma in chiave modenese: “Modena non si lega”. Agitando gli ombrelli, con le riproduzioni in cartone di sardine a portata di mano, i manifestanti, soprattutto giovani, ma anche tante famiglie, hanno intonato più volte Bella Ciao, nel giorno della tappa elettorale modenese di Matteo Salvini. Tra i concetti che il popolo delle sardine ha ribadito più volte: “L’Italia intera ci sta guardando, l’Europa intera ci vede”. Gli organizzatori avevano inizialmente programmato l’iniziativa in piazza Mazzini, ma poi, visto l’alto numero di adesioni, ha deciso di spostarsi in piazza Grande, sotto la Ghirlandina, il campanile che è uno dei simboli di Modena.

Ieri Salvini ha cambiato la sua agenda per non essere in città durante la manifestazione delle sardine ed è arrivato soltanto alle 20,30 per una cena in un hotel: “Andate a chiedere se non si vergognano di far politica in questa maniera”, ha però detto il Capitano, anche se non ha spiegato perché dovrebbero vergognarsi loro.

“La partecipazione, diceva Giorgio Gaber, è sempre positiva basta che sia democratica- ha detto ancora Salvini – Perché – ha concluso – una delle animatrici della piazza democratica di Modena mi ha minacciato di morte”. Salvini si riferisce a Samar Zaouil, che ieri ha attaccato sulla sua pagina Facebook 

salvini samar modena sardini - 1

Sia chiaro che se era sbagliato il post di Samar Zaoui, metterla alla gogna, come Salvini ha sempre fatto, lo è ancora di più. Perché quel post per quanto sbagliato (e pubblico) pubblicato su un profilo personale non ha la stessa portata del mettere alla berlina una ragazza su una pagina da quasi quattro milioni di fan gestita da uno staff dedito ad amplificare la voce del più importate politico italiano. Ed è qui l’errore di Salvini, pensare di mettere sullo stesso piano quello che scrive una persona qualunque sul suo profilo con quello che lui scrive contro quella persona sulla mia pagina. Il gioco è impari, per ovvi motivi. Il messaggio che si vuol passare (è successo) è quello di un avvertimento: attente a mettervi contro di me. “Se c’è gente che ama giocare – ha detto ieri sera il leader della Lega – ognuno è libero di giocare come vuole. L’unica preoccupazione che ho è che qualcuno sorrida e si travesta da sardina e poi in realtà è un pescecane, perché uno che invita alla giustizia sommaria non è a posto, quindi mi auguro che la condanna sia unanime”.

Modena, 7000 Sardine contro Salvini

In piazza a Modena c’era anche lo Zar, al secolo Ivan Zaytsev, il pallavolista della nazionale e della squadra di Modena. “Loro queste cose non le sanno fare. Ci stanno guardando tutta Italia e l’Europa”, hanno dichiarato i promotori del flash mob delle sardine antipopuliste a Modena animano il pubblico che ha riempito piazza Grande attorno a quota 7000 persone. C’era anche il gruppo delle sardine di Bologna, quello che ha debuttato giovedì scorso in piazza Maggiore, e qualcun altro più in là gridava “agitate gli ombrelli”, che tutti tenevano in mano vista la pioggia che scende da ore, sortendo l’effetto di una piazza che sembra ‘vibrare’. E ancora: “Una volta ci facevamo la guerra, Salvini ci ha uniti. Grazie a Dio qualcuno si e’ svegliato”, hanno detto gli animatori, mentre si continuava a cantare Bella Ciao.

“Da Modena è arrivata la risposta che ci aspettavamo”, ha detto Mattia Santori, uno degli organizzatori della piazza di Bologna. “Dopo aver promosso questa iniziativa a Bologna – ha detto – sapevamo che la risposta sarebbe stata di questo tipo. Certo, essendo un evento organizzato via social non sai mai se il virtuale si trasforma poi in reale. Certo, nonostante il maltempo – conclude Santori – erano in tanti”. Intanto le ‘Sardine’ si stanno organizzando anche nel capoluogo piemontese dove oggi è nato un gruppo Facebook ispirato al movimento che in questi giorni ha portato in piazza nelle due città emiliane migliaia di persone contro il leader della Lega Matteo Salvini. ‘6000 Sardine Torino’ il nome del gruppo che in poche ore ha raggiunto i 4.700 iscritti, compresi alcuni consiglieri comunali di Pd e M5S. “Gruppo volontario e spontaneo. Apartitico, senza bandiere. Troviamo inaccettabili le idee propagate dalla Lega”, si legge nelle informazioni sul gruppo social che ha già in mente un flash mob in “data da destinarsi”.

Leggi anche: Salvini indagato per Open Arms