Economia

Lorenzo Fioramonti, il ministro a 5 Stelle che boicotta Israele

Luigi Di Maio ha annunciato ieri che Lorenzon Fioramonti, consulente del MoVimento 5 Stelle per le politiche economiche e candidato a Roma all’uninominale alla Camera, sarà il ministro dello Sviluppo Economico di un eventuale governo a 5 Stelle. Il docente dell’Università di Pretoria, che abbiamo già avuto modo di ammirare in tutto il suo splendore durante una puntata di Otto e Mezzo ha scritto su Facebook di accettare con orgoglio la candidatura: «Sono cosciente della grande responsabilità che pertiene all’incarico e dell’importanza di un approccio nuovo allo sviluppo sostenibile per il Paese. Finalmente la possibilità di mettere in pratica ricerche che conduco da oltre un decennio».

Lorenzo Fioramonti e il boicottaggio accademico contro Israele

Fioramonti, che non è un economista, nelle scorse settimane aveva dovuto smentire una serie di voci secondo le quali era al soldo di Soros, dei Rockefeller e di tutta una serie di Poteri Forti. Pettegolezzi senza fondamento a carattere complottistico. Di tutt’altro tono – e gravità – è invece la questione sollevata oggi dal deputato PD Emaniele Fiano che ha denunciato il fatto che Fioramonti (che lui chiama “Fieramonti”) abbia applicato il “boicottaggio di Israele”. Il canddiato pentastellato si rifiutò infatti, nel febbraio 2016, di partecipare ad un convegno al quale avrebbe parlato anche l’Ambasciatore di Israele.

emanuele fiano lorenzo fioramonti israele boicottaggio m5s - 1

La notizia è riportata sul quotidiano The Daily Vox che aveva intervistato Fioramonti all’epoca per chiarire le motivazioni che lo avevano spinto a rifiutare di prendere parte al Water Summit 2016. Fioramonti spiegò che oltre al costo del biglietto che il pubblico avrebbe dovuto pagare per assistere alla conferenza aveva appreso dalla stampa che: «a public official from Israel would be participating on the panel, apparently to present Israel’s advancements in desalination and drip irrigation as a potential best practice for South Africa».

emanuele fiano lorenzo fioramonti israele boicottaggio m5s - 3

Se da un lato il costo per l’ingresso era visto da Fioramonti come un modo per limitare l’accesso all’evento ai solo benestanti dall’altro il professore dell’Università di Pretoria sottolineava come fosse in atto un boicottaggio accademico nei confronti dei rappresentati di Israele. Boicottaggio che Fioramonti considerava la chiave per poter raggiungere la pace in Medio Oriente.

Charging such a high participation fee was likely to turn the event into a “talk shop” for the wealthy upper class. Moreover, there is an international academic boycott against Israel’s public officials, which is supported by progressive groups both in Israel and Palestine, and has a lot of support in South Africa too. This boycott is key to help the cause for sustainable and equitable peace in the Middle East, highlighting how behind the facade of technological solutions lies a systematic exploitation of Palestinian communities.

Fioramonti ritiene che ci siano prove sufficienti che il successo tecnologico israeliano nel campo dell’agricoltura sia in realtà un modo per nascondere il furto di acqua alle comunità palestinesi e spiegava che proprio grazie alla sua decisione di ritirare la partecipazione all’evento il dibattito pubblico sudafricano aveva preso ad interessarsi della situazione. Secondo Fioramonti la partecipazione di Israele al convegno era sospetta, perché non è l’unico paese arido e semidesertico del Medio Oriente eppure solo gli israeliani furono invitati a parlare.

Il boicottaggio di Fioramonti e la “nuova” politica estera del MoVimento 5 Stelle

Alessandro Litta Modignani, Presidente dell’Associazione Milanese Pro Israele (AMPI) e Presidente dell’Unione Associazioni pro Israele (UDAI), ha definito una scelta “pessima, estremista, odiosa” quella di Di Maio di candidare al ruolo di Ministro dello Sviluppo Economico un docente che sostiene il boicottaggio accademico nei confronti di Israele. Secondo Litta Modignani “si conferma anche da questo episodio il nostro giudizio negativo sul MoVimento 5 Stelle” che viene definito “un partito politico fortemente permeato da pregiudizio e odio contro Israele”.

emanuele fiano lorenzo fioramonti israele boicottaggio m5s - 2

La candidatura a ministro di Fioramonti rischia così di compromettere il percorso di “normalizzazione” della politica estera del M5S. Percorso suggellato ad inizio febbraio, durante un incontro al Link University Campus di Roma, nel quale Luigi Di Maio aveva detto che «Israele deve avere il diritto di vivere in sicurezza, Hamas per noi è una seria minaccia terroristica». Una frase con la quale il Capo Politico del M5S ha cancellato (o ha sperato di cancellare) posizioni anti-israeliane come quella espressa da Manlio Di Stefano il parlamentare filo-palestinese convinti che Hamas possa essere un interlocutore e qualche tempo fa aveva dichiarato che votando contro alla risoluzione UNESCO su Gerusalemme l’Italia “si fa complice dei danni che Israele sta provocando a monumenti antichi che l’UNESCO non riesce a tutelare per via dell’occupazione israeliana e si fa, infine, complice dell’occupazione stessa e del blocco di Gaza che l’UNESCO ha chiesto di eliminare”. Di Maio e Di Stefano erano stati i protagonisti di una comica visita in Israele durante la quale avevano lanciato dure accuse, poi smentite dagli stessi Carabinieri, contro le autorità israeliane. Anche Alessandro Di Battista, qualche anno fa, per giustificare l’uscita improvvida sul “è necessario dialogare con l’ISIS” si era corretto dicendo che “in quel momento non pensavo all’ISIS, pensavo ad Hamas”.

 

EDIT delle 17:32 del 28/02/2018: Intervenendo sulla vicenda delle posizioni anti-israeliane di Fioramonti Luigi Di Maio ha dichiarato al Forum Live Facebook-Ansa che si tratta di «una notizia non vera. Il Movimento non è contro Israele, è contro il boicottaggio e non ha un ministro contro Israele. Fioramonti ha già chiarito quella vicenda e telefonerà all’ambasciatore per chiarire. Mi dispiace che si segua la strumentalizzazione del Pd contro i miei ministri». Però nell’intervista a The Daily Vox Fioramonti parla chiaramente di boicottaggio (e tecnicamente non è un ministro di Di Maio, perché Di Maio non ha alcun incarico di governo).

emanuele fiano lorenzo fioramonti israele boicottaggio m5s - 5
Fonte

Anche Lorenzo Fioramonti ha ritrovato la parola e ha dichiarato di essere oggetto di una “strumentalizzazione senza precedenti”: «Non ho mai sostenuto e non sostengo tutt’oggi, ovviamente, alcun boicottaggio nei confronti di Israele. Al contrario, ritengo che lo sviluppo e la crescita dell’economia globale passi proprio attraverso la cooperazione e la partecipazione di tutti, anche in Medio Oriente. Israele è e resta un partner importante dell’Italia nel lungo percorso di crescita che vogliamo intraprendere». Su ‘Pagine ebraiche 24’, il quotidiano online edito dall’Ucei viene ricordato che «Fioramonti è arrivato persino a rifiutare di partecipare a un evento in Sudafrica, dove insegna, perché era prevista la presenza dell’ambasciatore israeliano in Sudafrica, Arthur Lenk». Fioramonti non ha smentito le dichiarazioni fatte a The Daily Vox né il fatto di aver disertato un convegno a causa della presenza dell’Ambasciatore israeliano.

Leggi sull’argomento: La lezione di economia di Veronica de Romanis a Lorenzo Fioramonti a Otto e Mezzo