Economia

La figuraccia di Lucia Borgonzoni sul MES

borgonzoni mes calenda piazza pulita - 6

Forse Lucia Borgonzoni in questi  ultimi mesi è stata troppo impegnata a chiedere di parlare di Bibbiano invece che informarsi sulla riforma del Meccanismo Europeo di Stabilità. Perché ieri a PiazzaPulita la candidata della Lega alla presidenza della Regione Emilia-Romagna ha dato la netta impressione di non sapere – o di non aver capito – in che cosa consista la riforma del MES e in che modo funzioni il Fondo salva stati

Borgonzoni: parlaci del MES

Il che è senz’altro curioso, visto che da settimane Salvini e la Lega parlano di un fantomatico complotto ai danni del Paese ordito nientemeno che da Giuseppe Conte per poter mantenere la poltrona di Presidente del Consiglio. Una narrazione che sfida i fatti e la logica (per usare due concetti tanto cari a qualcuno) perché presuppone, nell’ordine, che quando fin dal dicembre del 2018 Conte e Tria hanno partecipato ai negoziati europei per la riforma del MES sapessero che il Governo gialloverde sarebbe caduto entro la fine dell’estate del 2019; e soprattutto presuppone che nessuno dei leghisti al governo (il vicepremier, i i viceministri e i sottosegretari, tra cui la stessa Borgonzoni) sapesse nulla di quello che stava succedendo. Ma il Governo era perfettamente informato sin dal dicembre del 2018 della volontà di riformare il Fondo salva stati così come il Parlamento era a conoscenza della posizione dell’esecutivo sulla riforma del MES.

In tutto questo poi c’è la senatrice Borgonzoni. Che ieri da Formigli ha detto cose come «noi mettiamo a rischio i nostri titoli di Stato se in ipotetica bisogna rientrare di 120 miliardi in sette giorni si può andare a prenderli da quelli che sono i titoli di stati, indirettamente o direttamente arriva a me sta cosa». Andiamo con ordine, quali sono questi 120 miliardi di euro? La Borgonzoni la spiega così: «sarebbero i fondi che teoricamente noi abbiamo nel vecchio fondo salva stati e possono essere richiesti allo Stato italiano in sette giorni perché se noi vogliamo accedere ci sono una serie di clausole che noi ogni anno dobbiamo rientrare del debito del 20%». Ci avete capito qualcosa? Di fatto la Borgonzoni sta dicendo che qualora l’Italia avesse bisogno di soldi per uscire da una crisi economica dovrebbe dare 120 miliardi di euro in sette giorni. Il che non ha alcun senso perché come spiega Carlo Calenda «se hai bisogno di soldi sono gli altri paesi che li versano, e non tu». Per il semplice motivo che non ce li hai. Questa non è alta finanza, è semplice economia domestica. E già adesso si può chiedere una ristrutturazione del debito (che ovviamente comporta un taglio dei titoli di Stato).

La grande confusione di Borgonzoni sul meccanismo backstop per le crisi bancarie

«Ti può essere richiesto in sette giorni», scandisce roboticamente la Borgonzoni, manco il MES fosse gestito da Samara di The Ring. È evidente a questo punto che la Lega sta tentando di fare terrorismo sul Fondo Salva Stati, e il bello è che lo fa senza sapere quello che dice. Il tutto senza dire che l’Italia, essendo detentrice del 17% delle quote del Fondo e visto che si decide con la maggioranza dell’85% ha il potere di veto che le consente di bloccare eventuali intervento di salvataggio per altri stati. C’è poi una linea di credito che aiuta i paesi a rischio di essere “contagiati” dal default di un altro paese. Infine c’è la possibilità di aiutare le banche in difficoltà (come è stato fatto in Spagna proprio dal MES).

Secondo la Borgonzoni «probabilmente, succedesse qualcosa ad una banca tedesca la signora Maria che c’ha dei titoli di Stato probabilmente avrà dei titoli di stato che costa meno perché con il Fondo Salva Stati si aiuta una banca tedesca, questo è il fatto». Di nuovo, cosa vuol dire questa affermazione? Assolutamente nulla. Un po’ come quando Salvini dice che il Fondo Salva Stati «è una pistola puntata alla testa dei risparmiatori». Ma come può funzionare che se una banca tedesca è in difficoltà la signora Maria vede perdere di valore i titoli di Stato (si presume italiani) in suo possesso? La Borgonzoni ha una spiegazione: «se il fondo salva stati viene utilizzato per salvare una banca tedesca noi abbiamo un problema: chiediamo anche noi il fondo e a noi dicono per avere quel fondo devi rispettare dei parametri che non lo possiamo rispettare». Non ha alcun senso, perché se una banca tedesca è in difficoltà l’Italia dovrebbe chiedere di accedere alla linea di credito per gli Stati? E perché le due cose sono collegate? Borgonzoni non sa, non lo spiega, non risponde.

borgonzoni mes calenda piazza pulita - 5

Senza saperlo però sta parlando (male) di una delle novità del MES, quella che a quanto pare Salvini ritiene essere una “pistola puntata alla testa dei risparmiatori”. Si tratta del meccanismo di backstop. Oggi, se il MES deve intervenire per salvare  un istituto di credito in difficoltà presta i soldi allo Stato il quale li “gira” alla banca. In questo modo però quel denaro entra a far parte del debito pubblico dello Stato mentre in realtà serve unicamente ad aiutare una banca (privata). Come si legge nella Relazione presentata dall’Allora ministro per gli Affari Europei Paolo Savona (e approvata dalle commissioni di Camera e Senato) «il governo ha sempre sostenuto la necessità del meccanismo di backstop». Il Governo in questione è quello Lega-M5S di cui Borgonzoni faceva parte.

borgonzoni mes calenda piazza pulita -1
Fonte: Senato.it  Dossier del 22 gennaio 2019

«Ma le nostre banche non potranno mai accedere a quel fondo, perché non rispettiamo i parametri che ci vengono dati», dice la Borgonzoni. Che evidentemente a questo punto non capisce che sta parlando di due cose diverse. Uno è il Fondo Salva Stati l’altro è il Single Resolution Fund (SRF) il  Fondo di risoluzione unico delle crisi bancarie. E come si legge nella bozza di riforma dell’ESM il backstop è stato discusso e approvato nelle riunioni dell’Eurogruppo del 25 giugno 2018 e all’Euro Summit del 14 dicembre 2018.

borgonzoni mes calenda piazza pulita -2
Fonte: Senato.it  Dossier del 22 gennaio 2019

Il Governo, quello del quale facevano parte (a loro insaputa?) Lega e Lucia Borgonzoni ha detto di essere d’accordo con la necessità del meccanismo del backstopb ovvero esattamente quella cosa che – secondo Lucia Borgonzoni – serve a mettere le mani nelle tasche della signora Maria qualora si dovesse salvare una dell famigerate banche tedesche. Eppure oggi i leghisti ci raccontano che quella cosa danneggerebbe i risparmiatori italiani. Il tutto dimostrando di non aver capito nulla. Che sia un complotto?

Leggi anche: Perché Salvini continua a raccontare balle sul MES nelle interviste?