Politica

Cosa c’è dietro Matteo Salvini che ringrazia Montanari e Gatti

Oggi il ministro dell’Interno Matteo Salvini è intervenuto per parlare di vaccini a RadioStudio54, un’emittente radiofonica di Firenze che non ha mai nascosto di avere simpatie per il cosiddetto Popolo Arancione e il movimento “free-vax”. Anche per questo motivo, e sapendo bene il pubblico al quale si rivolgeva, il ministro ha ribadito il suo impegno a permettere che tutti i bimbi possano entrare in classe.

Salvini e la bufala dei 10 vaccini pericolosi se non dannosi

Salvini non ha promesso di togliere immediatamente l’obbligo vaccinale, forse perché si è ricordato di essere il ministro dell’Interno e non quello della Salute. Nei giorni scorsi infatti la ministra Grillo aveva detto che sulle politiche vaccinali il governo avrebbe valutato “tempi e modi” dell’intervento. Salvini però non si è fatto certo pregare e ha voluto lo stesso scaldare i cuori dei Genitori Preoccupati dicendo di ritenere «che 10 vaccini obbligatori siano assolutamente inutili e in parecchi casi pericolosi se non dannosi».

matteo salvini gatti montanari vaccini pericolosi burioni -1

Un’affermazione questa di Salvini che il dottor Burioni su Twitter ha definito pericolosissima soprattutto se a dirla è una figura di importante rilievo istituzionale come il ministro dell’Interno. Purtroppo però sappiamo a quali fonti si abbeveri Salvini quando si tratta di vaccini. Qualche tempo fa il Segretario della Lega aveva consigliato a tutti i suoi amici di leggere il libro di Paolo Bellavite, uno dei guru del movimento free-vax che scrive che “è certo che l’esposizione ad adiuvanti contenuti nei vaccini (soprattutto alluminio) correli con l’aumento di casi di autismo” anche se prudentemente aggiunge che “ciò non stabilisce una relazione causale”. È invece un dato scientifico di fatto che i vaccini e le vaccinazioni pediatriche non siano né pericolose né dannose. Questo sarebbe bene che il papà Matteo Salvini lo dicesse agli altri papà italiani.

I ringraziamenti di Salvini a Antonietta Gatti e Stefano Montanari

Curiosamente Bellavite nel suo libro cita come prova a sostegno delle sue tesi  la ricerca dei coniugi Gatti&Montanari sulle pericolosissime nanoparticelle (“pezzi di metallo”) contenute nei vaccini che possono provocare seri danni; tra cui – manco a dirlo – l’autismo. E Salvini non si è certo fatto pregare quando il conduttore gli ricorda che i due scienziati modenesi erano all’ascolto e avevano fatto sapere di essere a disposizione del ministro e del governo per spiegare “il marciume che c’è dentro i vaccini”. A molti è sfuggito il ringraziamento di Salvini a Antonietta Gatti e Stefano Montanari «li abbraccio e li ringrazio per il loro coraggio e la loro onestà».

stefano montanari sipario vaccini addio - 5
Quando i Montanari venivano intervistati dalla prestigiosa rivista scientifica Cronaca Vera

Per chi si fosse perso le puntate precedenti Stefano Montanari è famoso soprattutto per essere stato aiutato, e poi brutalmente scaricato, da Beppe Grillo nell’acquisto di un microscopio elettronico per le sue ricerche. Più di recente Montanari ha sostenuto assieme a Dario Miedico (che proprio ieri è stato ricevuto al Viminale dal sottosegretario all’Interno Gaetti) che la piccola Sofia Zago non fosse morta a causa della malaria ma per colpa dei vaccini. Qualche giorno fa Montanari era stato protagonista – suo malgrado – di una conferenza sui vaccini a CasaPound, conclusasi a quanto pare con una scazzottata. Le ricerche di Montanari e Gatti sui vaccini “contaminati” erano anche alla base di un esposto del Codacons sui pericoli del vaccino esavalente. A inizio giugno la procura di Torino ha chiesto l’archiviazione per quell’inchiesta. Pensavate davvero che l’unico complottista al governo fosse Carlo Sibilia?

Leggi sull’argomento: Perché ci tocca un complottista al ministero dell’Interno?