Tecnologia

Come i fan di Salvini hanno scoperto che Rocca di Papa è in Italia

rocca di papa

Quando il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato la risoluzione della crisi della Diciotti dicendo che un centinaio di naufraghi sarebbe stato accolto dalla Conferenza Episcopale Italiana i più sgamati avevano già nasato che l’aria tirava nella solita direzione. Altri, invece, avevano esultato per la poderosa azione politica del governo gialloverde, che era riuscito nell’impresa di costringere la Chiesa all’accoglienza.

Come i fan di Salvini hanno scoperto che Rocca di Papa è in Italia

Detto, fatto. Ieri notte il Papa ha annunciato che i naufraghi della Diciotti saranno ospitati in una struttura che sta a Rocca di Papa e che si chiama “Mondo Migliore”: un Centro di Accoglienza Straordinaria (Cas) che si trova a sud di Roma sulla via dei Laghi, in precedenza era un centro congressi gestito dai padri oblati. Successivamente, in tempi ancora da definire, saranno smistati in diverse diocesi che hanno spontaneamente dato la loro disponibilità, tra cui Torino, Brescia, Bologna, Agrigento, Cassano all’Jonio, Rossano Calabro. Ovviamente Mondo Migliore dipende dal Viminale.

rocca di papa

Secondo quanto appreso da Redattore sociale, a parte la fase iniziale nel Cas, che dovrebbe avere una durata limitata, la Cei si farà carico dell’ospitalità nelle diocesi. “Di fondi per ora non abbiamo parlato – chiarisce don Ivan De Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Ufficio per le comunicazioni sociali  – sono dettagli che saranno definiti al Viminale”. La rete ecclesiale è parte integrante del sistema Sprar. Secondo i dati del 2017 contenuti nell’ultimo rapporto sulla Protezione internazionale in Italia le diocesi coinvolte nell’accoglienza sono 139 su un totale nazionale di 220 (63,2%) e hanno accolto oltre 23.300 richiedenti asilo/titolari di una forma di protezione.

Nel Grande Piano c’è una piccola falla

Ovviamente a quel punto nel Coro di Elogi ha cominciato a sentirsi qualche voce stonata perché si è cominciata a percepire la vera consistenza del Grande Successo di Salvini e Conte. Sulla pagina Facebook del Comune di Rocca di Papa è esplosa la protesta. “Ne abbiamo sentite di tutti i colori, scabbia e quant’altro – ha scritto rivolgendosi al sindaco una donna di mezz’età – Chiami la ASL prima di tutto, almeno dia questa sicurezza ai cittadini. I migranti non rimangono lì a Mondo Migliore, viaggiano anche con noi sui mezzi pubblici. Se non lo farà lei, chiamerò io stessa. Il Vaticano doveva tenerli, non noi!”. “Noi non li vogliamo – aggiunge un’altra donna – rimandateli al loro Paese, avete stufato, adesso ci sarà molta delinquenza e furti”. Un altro residente si rivolge al sindaco: “Perché non scrivi al Vaticano e se li porta a Castel Gandolfo?”. Nel gruppo aperto Genzano On Line la senatrice del MoVimento 5 Stelle Elena Fattori scrive che “Non è cambiato proprio NIENTE”: strano, non era il governo del cambiamento?

elena fattori

Invece Luca Marsella, consigliere municipale di Casapound, finalmente è riuscito a mangiare la foglia e ha scoperto che quell’istituzione che da duemila anni sopravvive grazie a furbizia e diplomazia, anche questa volta li ha fregati tutti (per intascare 35 euro al giorno, aggiunge, anche se questo non è ancora deciso).

luca marsella casapound

Il deputato di Fratelli d’Italia Marco Silvestroni è invece molto arrabbiato e chiede uno sforzo al ministro dell’Interno: “Se ‘prima gli Italiani’ non è solo uno slogan elettorale, chiedo al ministro Salvini di intervenire per bloccare questo assurdo sbarco di immigrati nei Castelli Romani, anche perché la struttura che dovrebbe accoglierli, la Auxilium di Ariccia, non mi risulta che si trovi dentro i confini dello Stato Vaticano sanciti dai Patti Lateranensi dell’11 febbraio 1929″.

Come la Chiesa ha biscottato Salvini

Ma per il resto il Coro è unanime: la Chiesa ha fregato Salvini, che si è fatto fregare dai preti mentre Rocca di Papa, anche se si chiama così e dà adito a sospetti, si trova proprio in Italia. In effetti, ragiona qualcuno, è stata la Conferenza Episcopale Italiana ad offrirsi per l’accoglienza, quindi non c’è niente di strano nella decisione.

rocca di papa 2 rocca di papa 1

rocca di papa 3

Insomma, serpeggia molto malcontento tra i patridioti d’Italia. E allora è meglio che non sappiano che presto potrebbe nascere un altro problema, quello fatto notare dall’Associazione di Studi Giuridici sull’Immigrazione: l’Albania, che si è offerta di prendere una ventina dei naufraghi della Diciotti, non è nell’Unione europea e quindi se davvero si arrivasse a mandarli a Tirana sarebbe un ricollocamento in un Paese terzo che non ha tutto quanto previsto dal sistema comune europeo di asilo. Un trasferimento in questo Paese può avvenire solo se i migranti sono d’accordo, mai contro la loro volontà. In quel caso si tratterebbe un allontanamento forzato.

Leggi sull’argomento: Perché Di Maio ha pubblicato le dichiarazioni dei redditi della sua famiglia