Opinioni

Lello Ciampolillo e la marijuana contro il Coronavirus

Avevamo lasciato il senatore rampante Lello Ciampolillo sbattuto fuori dal MoVimento 5 Stelle dopo le sue uscite sulla xylella e alla sue guerre contro Teresa Bellanova “al soldo delle lobby dell’olio d’oliva”. Lo ritroviamo oggi da senatore del gruppo misto mentre, in grandissima forma, scrive una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza, invitandolo a considerare la cannabis terapeutica come possibile antidoto al Covid-9.

“Caro Ministro, ti scrivo per suggerire il fiore di Cannabis terapeutica quale possibile antidoto al coronavirus – si legge nella missiva – La vaporizzazione del fiore di cannabis terapeutica ha già dato effetti straordinariamente positivi per i problemi dell’apparato respiratorio di pazienti terminali. E’ noto, del resto, che gli oltre 800 principi attivi contenuti nel fiore rafforzano in modo significativo le difese immunitarie”.

lello ciampolillo

“I medici e i ricercatori potrebbero provare l’utilizzo dei prodotti derivanti dalla Cannabis, come il Bedrocan, contro il Coronavirus. Penso in particolare agli anziani che, a causa degli effetti della polmonite, sono i più esposti al rischio di perdere la vita. Alleviando i problemi delle vie respiratorie sarà più agevole assicurare la guarigione e consentirà di ricondurre nella normalità questo virus. Spero che questo contributo possa essere di aiuto in questo drammatico momento”, conclude Ciampolillo.

Naturalmente le cure per il Coronavirus non prevedono la marijuana, né terapeutica né light né nulla.

Leggi anche: Salvini, ma Musumeci ha ragione anche adesso che non vuole in Sicilia i cittadini del Nord?

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente