La macchina del funky

Anche il Corriere sfotte Matteo Renzi News

matteo renzi news

Matteo Renzi News, la pagina dei talebani renziani che fa spesso fare figure di merda al Partito Democratico, oggi ha l’onore di finire all’attenzione di Pierluigi Battista e del Corriere della Sera. Come stamattina leggerà con somma gioia Matteo Richetti, responsabile comunicazione PD, Battista riepiloga

Una fake news come l’immagine del sindaco renzianissimo di Pesaro Matteo Ricci (come il grande gesuita che cercò di portare il cristianesimo in Cina) che proclama sulla pagina «Matteo Renzi news», faccia sorridente e camicia stirata di fresco: «Adesso #avanti fino alla vittoria: rimbocchiamoci le mani». Le mani, non le maniche. Peccato che non sia una fake news: da rimboccare qui sono proprio le mani e non le maniche.

E magari Ricci non saprà neanche dell’imbarazzante strafalcione, perché quel materiale di propaganda viene gestito dalla pagina «Matteo Renzi news» amministrata da Alessio De Giorgi. Una pagina così controproducente e folle (seguita peraltro da ben 90 mila persone) che davvero sembra ispirata da un tenebroso hacker antirenziano, per quanto rischi di far male al leader del Pd.

matteo renzi news laura pausini

Sorvolando sull’interchattazione e ricordando l’ormai famosa gaffe di De Giorgi, Battista torna all’attualità e poi ricorda il famoso paragone tra Totti e il Caro Matteo:

Oltre a quello che inchioda  Ricci a una figuraccia da incubo spicca il manifesto in cui appare una grande folla a un concerto con la scritta: «Se non fosse stato per le 500 euro di Renzi io non sarei riuscito a coronare uno dei miei sogni più grandi: incontrare Laura Pausini ed andare ad un suo concerto».Da brivido, e non solo per «le 500 euro». E poi,mentre l’Italia era squassata dai fatti di Macerata, una foto con i maggiorenti renzianissimi del Pd felici e contenti come a una festa di Capodanno: «Rispondiamo con un sorriso a chi offende l’Italia e gli italiani».

E poi, fantozzianamente: «Tanti auguri, Maria Elena». Ora, forse sarebbe il caso che nei piani alti del Nazareno si considerasse seriamente il caso del «Matteo Renzi news» (che dovrebbe chiamarsi «Matteo Renzi fake news») da cui prendere con un certo vigore le distanze. Del resto, per capire l’aria che tirava in quella pagina, c’era già stato un provvidenziale manifesto in cui si vedevano affiancati Francesco Totti e uno spavaldo Renzi con la scritta: «Orgogliosi di questa generazione! Due grandi capitani». Sembrava uno scherzo

E invece è la propaganda PD, monnezza.

Leggi sull’argomento: La pagina dei fan di Renzi e Beppe Grillo che ha sterminato una famiglia