Opinioni

L’orrido complotto dei bambolotti dietro i bambini morti in mare in Libia

Mentre nella maggioranza Lega-M5S c’è ancora chi ha il barbaro coraggio di nascondersi dietro una foglia di Fico, in rete un discreto numero di sveglioni che sostiene che le fotografie che ritraggono i tre bambini morti nel naufragio di cento persone al largo della Libia sia “un bambolotto, si nota dal pugno chiuso, gambe rigide e capelli finti!!!” e invita a “prendere dei buoni registi ed attori”, la stessa lamentela di chi pretendeva che fossero falsi anche gli attentati di Parigi.

complotto bambini morti mare

Ovviamente c’è da segnalare che si tratta di utenti dell’internet, mentre la stampa italiana dimostra di avere tutt’altra serietà. Ecco la prima pagina del Tempo, per farvi capire, ed ecco l’articolo di Pietro Di Leo che accompagna le foto:

Serviva un morto, al generone progressista. La spia rivelatoria era stata la voce dal sen fuggita dello scrittore Edoardo Albinati, che nei giorni della crisi dell’Aquarius aveva ammesso che sperava morisse un bambino a bordo,in modo da mettere nei casini il governo italiano che non aveva autorizzato l’approdo sulle nostre coste.

Serviva un morto, magari un altro piccolo Aylan, il bimbo siriano annegato a largo di Bodrum nel 2015. La foto del suo corpo (qui a sinistra) riverso sulla spiaggia fece il giro del mondo e divenne aspersorio della colpa dell’Occidente,di Visegrad, delle “destre”. Serviva una roba così, al Partito della Bontà in overdose di nuova ideologia dell’immigrazione e in ebbrezza da apnea.

complotto bambini morti mare 1

Anche perché sempre il Tempo in un altro articolo a firma di Tommaso Carta si scrive anche altro:

Fonti dell’intelligence contattate da Il Tempo confermano i timori per il comportamento degli scafisti che potebbero essere interessati a far naufragare di proposito battelli di immigrati per fare pressioni sull’opinione pubblica e soprattutto sul governo italiano così da costringerlo ad allentare la stretta sulle ong. Un’ipotesi già paventata da esponenti della maggioranza di governo anche se al momento riscontri diretti non ve ne sono.

Insomma, c’è un’ipotesi che fanno misteriose fonti dell’intelligenze e politici che però non ha nessun riscontro ma intanto si butta lì, ‘ché male non fa. Nel caso dei bambolotti è utile segnalare che nemmeno la normale ragionevolezza sembra riuscire a fare breccia nei cervelli degli ossessionati del complotto del bambolotto:

complotto bambini morti mare 2

In questo caso poco importa che sia stata la Guardia Costiera libica – quella che è tornata amica dell’Italia di recente – a dare la notizia della morte dei tre bambini.

m5s news bambini bambolotti
Status da: Facebook

Poco importa che sia stato l’UNHCR a confermarla. Poco importa che ci siano le foto. Poco importa che ci sia un video che mostra il recupero dei cadaveri. Poco importa un po’ tutto a chi ha il coraggio di definire per ideologia “bambolotti” dei bambini morti. L’unica cosa che importa è sempre la stessa: la memoria collettiva è sempre a breve termine.

complotto bambini bambolotti
Foto da: Facebook

Leggi sull’argomento: La foglia di Fico sui morti in mare