Attualità

Come il video-gogna di Bonafede su Battisti ha fatto saltare la copertura di un agente di Polizia

bonafede battisti video agente sotto copertura - 3

«Il racconto di una giornata che difficilmente dimenticheremo!» con questa presentazione il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha deciso di dare in pasto al pubblico di Facebook un video di tre minuti e cinquanta secondi che “racconta” l’arrivo in Italia del terrorista Cesare Battisti. Il filmato, accompagnato da un’odiosa musichetta trionfante ma al tempo stesso “intimista”, mostra la giornata dell’arrivo di Battisti in Italia, l’atterraggio a Ciampino, le procedure per il trasferimento nel carcere di Oristano dove il terrorista dei PAC sconterà la sua pena.

Lo show di Bonafede che mette a repentaglio gli agenti di Polizia

L’esposizione del corpo di Battisti, come un trofeo, si attaglia ben poco al concetto di giustizia in uso nel mondo Occidentale nei paesi democratici. Ma evidentemente il ministro aveva bisogno di celebrare qualche successo personale. Motivo per cui –  alla moda di Salvini – si è fatto fotografare con addosso la giacca della Polizia Penitenziaria e ha imbastito il grande show dell’arrivo di Battisti dalla Bolivia. Ma nella foga dei festeggiamenti, e davvero mancava solo uno scatto di Bonafede col pugnetto alzato come il collega Toninelli al Senato qualche tempo fa o una bottiglia di spumante stappata in favore di telecamere, Bonafede ha scritto una pagina vergognosa nella storia della propaganda di regime e commesso più di una violazione dei diritti di un condannato.

bonafede battisti video agente sotto copertura - 2
Il momento in cui un agente tenta invano di nascondere il volto, la censura è di NeXtQuotidiano

Ad esempio ad un certo punto del filmato, mentre viene mostrata la procedura di raccolta delle impronte digitali di Battisti (una scena degna del finale di Blow) viene inquadrato un poliziotto in borghese (con addosso una giubbino della Polizia sotto la giacca) che cerca affannosamente di coprirsi il volto con la sciarpa. Probabilmente si tratta di un agente che lavora sotto copertura la cui identità sarebbe stato meglio rimanesse celata. La celebrazione della “cattura” mette così a repentaglio la copertura di un servitore dello Stato. Ma gli addetti alla comunicazione che di fatto controllano e gestiscono l’attività del governo evidentemente non se ne sono accorti. Un danno collaterale del desiderio di Bonafede di spettacolarizzare una questione che ha ben poco di spettacolare. C’è poco da festeggiare, c’è poco da sbraitare “la pacchia è finita”. A sessantatré anni e dopo trentasette anni di latitanza Battisti rischia di essere l’unica Quota 100 del governo del Cambiamento. Il fatto che Battisti sia un terrorista e un pluriomicida non giustifica quello che gli è stato fatto dal Ministro di Grazia e Giustizia sui social.

La spettacolarizzazione dell’arresto di Battisti è illegale

Se ai tempi di Mani Pulite la Lega aveva il deputato Luca Leoni Orsenigo ad agitare un cappio in Aula ora che siamo nell’era del Cambiamento è direttamente il ministro della Giustizia ad agitare i più cupi istinti forcaioli e giustizialisti. A rendere ancora più drammatico il tutto c’è il fatto che Bonafede di professione fa l’avvocato, è uno che in teoria dei diritti dei condannati dovrebbe intendersene. Perché pur se latitante e condannato all’ergastolo per omicidio anche Battisti ha dei diritti. Ad esempio l’art. 114 del Codice Penale vieta «la pubblicazione dell’immagine di persona privata della libertà personale ripresa mentre la stessa si trova sottoposta all’uso di manette ai polsi ovvero ad altro mezzo di coercizione fisica» mentre l’articolo 42 bis comma 4 dell’Ordinamento penitenziario impone l’adozione di «opportune cautele per proteggere» gli arrestati «dalla curiosità del pubblico e da ogni specie di pubblicità». L’articolo 13 della Costituzione – quel pezzo di carta dove giurano i ministri – stabilisce che «è punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà» e cos’è la gogna mediatica se non una violenza morale?

bonafede battisti video agente sotto copertura - 4

Lo sottolinea sulla Stampa Mauro Palma, Garante nazionale dei diritti delle persone detenute e private della libertà personale, che ricorda appunto che per evitare inutili disagi ad un condannato è esplicitamente prevista l’adozione di misure per tutelare degli arrestati dalla curiosità del pubblico. Ma il Garante esprime anche la sua perplessità «nella scelta di esporre in quel modo gli operatori di polizia che stanno facendo il loro dovere. Ci deve essere più attenzione». E chissà che il Garante non si riferisca proprio a quei frame dove viene rivelata l’identità di un agente sotto copertura.

bonafede battisti video agente sotto copertura - 5

Anche l’Unione delle Camere Penali – che rappresenta gli avvocati italiani che lavorano in ambito penale – ha duramente criticato il video di Battisti pubblicato sulla pagina di Bonafede definendola “una occasione cinica e sguaiata, di autopromozione propagandistica” da parte del ministro. In un comunicato dal titolo La politica in favore di telecamera, oltre ogni limite di decenza pubblicato sul sito la Giunta di UCPI commenta lo show allestito da Salvini e Bonafede come una pagina tra le più vergognose e grottesche della nostra storia repubblicana. «Addirittura sconcertante – scrive l’UCPI –  è che il Ministro della Giustizia abbia diffuso un video, con sinistro commento musicale, titolando di “una giornata indimenticabile”; e non ci sono state risparmiate foto ricordo del detenuto, con due agenti della polizia penitenziaria al fianco, in spregio di espliciti divieti normativi». Bonafede sembra non aver capito il problema, eppure è laureato in Giurisprudenza, e ieri dava degli “sciacalli” a coloro che gli facevano notare cosa aveva fatto.

 

EDIT: Qualcuno – anche nei commenti all’articolo – sostiene che non si tratti di un agente in borghese perché gli agenti sotto copertura generalmente indossano un passamontagna. Naturalmente non si può avere la certezza del ruolo di quell’operatore. Ci limitiamo ai fatti e al contesto. C’è da rilevare che in quel momento – ovvero durante la procedura di registrazione delle impronte digitali di Battisti – l’agente non aveva alcuna necessità di celare il volto visto che non era “in pubblico” ma tra colleghi all’interno di una struttura della Polizia Penitenziaria. Non c’era alcuna necessità quindi di travisarsi. Anche il fatto che indossi – sotto la giacca – un giubbino della Polizia non cambia di molto le cose, perché (ma ovviamente sono ipotesi più fantasiose) non è detto che sia un agente della Polizia di Stato, ed in ogni caso in quel momento non era in pubblico. Rimane un dato di fatto: quando viene inquadrato, e se ne accorge, quella persona si porta la sciarpa al volto. La motivazione più plausibile per farlo era quella di rivelare la propria identità in associazione con quella particolare operazione di polizia. Infine come fa notare Andrea Maestri di Possibile: «quel video è un errore indipendentemente dal fatto che riprendesse o meno un agente sotto copertura: è un danno anche se rivela semplicemente l’identità di chi lavora sulla strada, perché ne compromette la sicurezza e il possibile impiego in attività come i pedinamenti».

bonafede battisti video agente sotto copertura - 6

La questione del resto non è sfuggita nemmeno al Garante Matteo Palma che ha dichiarato di essere «perplesso dalla scelta di esporre in quel modo gli operatori di polizia che stanno facendo il loro dovere» invitando a fare «maggiore attenzione». Oltre alla questione dell’agente rimane in ogni caso la palese violazione dell’articolo 42 bis che come detto tutela “i soggetti tradotti dalla curiosità del pubblico e da ogni specie di pubblicità”. Una violazione costituita non solamente dal video di Bonafede ma anche dalla sequenza in cui intorno al minuto 2.10 si vedono due coppie di agenti effettuare una sorta di passaggio di consegne di fronte alle telecamere. Il detenuto Battisti prima è in custodia di due agenti della Polizia di Stato che successivamente cedono il posto a due colleghi della Penitenziaria.

Leggi sull’argomento: La figuraccia di Bonafede sulla norma salva-leghisti