Attualità

Edoardo Rixi condannato, la bomba sul governo è servita

lega nord edoardo rixi

Il Tribunale di Genova ha condannato a tre anni e cinque mesi di carcere il viceministro alle Infrastrutture Edoardo Rixi al termine del processo per le cosiddette Spese pazze in Regione Liguria negli anni dal 2010 al 2012. Rixi, all’epoca dei fatti capogruppo regionale della Lega, era accusato di peculato e falso. Il pm Francesco Pinto aveva chiesto per lui una condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione.

Edoardo Rixi condannato, la bomba sul governo è servita

La bomba Rixi sul governo è quindi esplosa. Il viceministro durante la campagna elettorale era stato nominato dal MoVimento 5 Stelle perché volevano cacciarlo dal governo. La Lega aveva risposto picche. Proprio oggi del caso Rixi aveva parlato il suo “gemello” Siri, che il governo l’ha già salutato: “Intanto aspettiamo che ci sia una sentenza. Mi auguro che venga riconosciuta la sua innocenza. Secondo me anche se sarà una sentenza di condanna non deve dimettersi. Una persona è innocente fino al terzo grado di giudizio. Non credo proprio che Salvini sarà d’accordo con un’eventuale richiesta di dimissioni”.

edoardo rixi

Rixi era stato indagato per le spese pazze in Liguria quando era vice di Salvini, scatenando così la reazione del Capitano. La sua difesa è già costata a Salvini l’accusa di vilipendio nei confronti della magistratura. Nella legge anti-corruzione c’era una norma che poteva salvarlo dal processo, ma alla fine è stata cassata.  Quando era consigliere regionale in Liguria è stato coinvolto nelle inchieste sulle spese pazze. Insieme ad altri due consiglieri regionali, Francesco Bruzzone e Maurizio Torterolo, è accusato di peculato per le spese sostenuti con i fondi del gruppo consiliare tra il 2010 e il 2012. Anomalie sarebbero state riscontrate nella rendicontazione di cene e pranzi, viaggi avvenuti nei fine settimana e spese di parcheggio.

Rixi e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici

Secondo la procura, Rixi avrebbe tra l’altro approvato i rendiconti delle spese senza verificare se fossero attinenti al ruolo di consigliere. Tra le spese contestate, anche rimborsi di viaggi sostenuti da collaboratori ma le cui pezze giustificative erano a nome dei consiglieri per complessivi 30 mila euro.

Rixi non si è ancora ripreso e deve ancora aggiornale il profilo su Twitter (fonte: Twitter.com)

Erano state acquistate ostriche, gratta e vinci, viaggi. La difesa aveva chiesto l’assoluzione o, in alternativa, la condanna per indebita percezione di erogazioni pubbliche, reato prescritto. Il Tribunale di Genova, oltre alla condanna a tre anni e cinque mesi di reclusione, ha inflitto al viceministro Edoardo Rixi anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Ora la Lega vuole che Rixi resti al suo posto, il M5S vuole che venga cacciato. Chi vincerà?

Rixi presenta le dimissioni a Salvini?

Dopo la condanna in primo grado Rixi ha fatto sapere di aver consegnato le dimissioni a Salvini per non creare problemi. Il vicepremier leghista ha dichiarato in una nota che «da tempo ho nelle mani le sue dimissioni, che accetto unicamente per tutelare lui e l’attività del governo da attacchi e polemiche senza senso». Sfugge però al ministro dell’Interno che le dimissioni vanno presentate al Presidente del Consiglio (un certo Giuseppe Conte) e non al leader del partito. Spetta a Conte accettare le dimissioni di Edoardo Rixi, non a Matteo Salvini. Il quale in ogni caso fa sapere di aver promosso Rixi: «oggi stesso lo nomino responsabile nazionale trasporti e infrastrutture della Lega, riconoscendogli capacità e onesta assolute».

rixi dimissioni condanna - 1
Da sinistra: Siri, Rixi e Salvini nel 2015 [Fonte]

Salvini ha anche espresso il suo parere sulla condanna a Rixi dicendo «io rispetto le sentenze e conto su una assoluzione a fine processo, ma trovo incredibile che ci siano spacciatori a piede libero, e sindaci, amministratori e parlamentari accusati o condannati senza uno straccio di prova». Non sfuggirà ai più che se gli spacciatori sono a piede libero Salvini ha tutti gli strumenti – da ministro dell’Interno – per intervenire. Riguardo invece alla mancanza di prove forse sarebbe bene attendere che venga depositata la sentenza, fermo restando che Rixi è innocente fino al terzo grado di giudizio.

rixi dimissioni condanna - 2

In un tweet il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ringrazia il suo (ex?) Sottosegretario: «grazie a Rixi per il lavoro svolto. Il Contratto di governo, ancora una volta, si dimostra lo strumento migliore per garantire il cambiamento. Malgrado il mio ministero sia stato falcidiato, andiamo avanti a sbloccare opere e procedure per usare al meglio i soldi dei cittadini».

Leggi anche: Il veleno su Di Battista che vuole far fuori Di Maio