Economia

Rivalutazione: il pesce d’aprile sulle pensioni

pensioni stop rivalutazione

Scatta il primo aprile il blocco della rivalutazione delle pensioni per gli assegni al di sopra dei 1500 euro lordi. Il meccanismo messo a punto dal governo prevede sei fasce. Per gli assegni da 3 a 4 volte il minimo (sotto la rivalutazione è piena, come prima) l’adeguamento sarà del 97%. Per quelle da 4 a 5 la percentuale scende al 77%. Poi il taglio inizia a diventare robusto. Tra 5 e 6 volte l’asticella si ferma al 52%, per quelle tra 6 e 8 al 47% e per quelle tra 8 e 9 volte al 45%.

Al di sopra la perequazione si ferma al 40%. Di che cifre stiamo parlando? Tenendo conto che il tasso di inflazione annuo è stato fissato, in via provvisoria, all’1,1%, è possibile effettuare qualche calcolo. La perdita è ovviamente più leggera per le pensioni più basse. Anzi, quelle tra 3 e 4 volte il minimo guadagneranno addirittura qualcosa, visto che la legge del 2000 prevedeva una rivalutazione al 90 e quella del governo Conte al 97%.

Dallo scalino successivo, però, si inizia a pagare. Pochi euro al mese per chi prende un assegno tra 4 e 5 volte (da 2.052 a 2.565 euro lordi, che sono 1.800 netti). Ma dopo il salasso si fa più sostanzioso. Per le pensioni da 6 volte il minimo (3.078 lordi, poco più di 2mila euro netti) la perdita annuale è di 167 euro, per quelle da 7 volte il minimo (3.591 lordi, circa 2.500 netti) è di 184 euro. Continuando a salire si arriva a 322 euro l’anno per pensioni di 10 volte il minimo (5.130 lordi).

pensioni rivalutazione
Le percentuali di rivalutazione delle pensioni nel 2019 (Libero, primo aprile 2019)

Quindi nei prossimo mesi l’Inps comunicherà le modalità di recupero delle somme relative al periodo gennaio-marzo 2019. Che sono la vera materia del contendere.

Leggi anche: La stangata sui pensionati? Dopo le elezioni europee