Economia

Ponte Malnome non chiude

neXt quotidiano|

ponte malnome non chiude

Ponte Malnome non chiude. La discarica provvisoria di Virginia Raggi dimostra che a Roma, come in Italia, non c’è niente di più definitivo del provvisorio e invece di essere dismesso a giugno, come da promesse della sindaca alla popolazione, rimarrà aperto altri due mesi. «La possibilità di una proroga del sito di trasferenza a Ponte Malnome è già scritta nell’ordinanza della Regione Lazio – sottolinea l’ex amministratore unico e attuale direttore operativo dell’Ama, Massimo Bagatti – Stiamo parlando di qualche settimana». L’attività del sito, secondo il provvedimento firmato da Virginia Raggi,era stata fissata in 180 giorni. Un tempo necessario per superare i problemi seguiti all’incendio del Tmb di via Salaria che, lo scorso dicembre, aveva lasciato all’Ama una sola area per la trasferenza, ossia dove è possibile accumulare i rifiuti inattesa di portarli fuori Roma: quella di Rocca Cencia, adiacente all’impianto di trattamento meccanico biologico.

luisa melara ama
Le rotte dei rifiuti a Roma (Il Messaggero, 7 luglio 2019)

Spiega oggi Il Messaggero che nelle ultime settimane la situazione si è aggravata, fino a diventare insostenibile quando anche i due Tmb privati di Malagrotta, in manutenzione, hanno iniziato a ricevere meno spazzatura, lasciando in pratica a Roma un solo Tmb pienamente operativo: quello aziendale di Rocca Cencia, che ora lavora anche di domenica.

Pertanto l’Ama potrebbe ottenere un’ulteriore proroga, per il tempo necessario a superare la crisi, con la speranza di poter utilizzare il sito almeno fino a settembre. La municipalizzata, con l’acqua alla gola, aveva già chiesto nei giorni scorsi di poter continuare a lavorarea Ponte Malnome,scontrandosi però con il no del Campidoglio, che voleva evitare le proteste della cittadinanza. Ma visto il peggioramento della situazione (e l’ordinanza della Regione)adesso lo scenario potrebbe cambiare.

Leggi anche: La gaffe di Raggi che va all’impianto di Rida sbagliato per attaccare Zingaretti