Fact checking

Il piano di Berlusconi per tornare in Parlamento

silvio berlusconi 1

L’obiettivo è ritornare al Senato. Farlo con un’elezione suppletiva per cancellare l’onta della defenestrazione da palazzo Madama, mettersi alle spalle questi cinque anni in cui non ha avuto l’agibilità politica. Berlusconi ha accolto la sentenza di riabilitazione non con euforia ma come una compensazione delle sofferenze vissute. Ha evitato commenti, anche su consiglio di Ghedini.

Il piano di Berlusconi per tornare in Parlamento

Ma a quanto pare al momento si esclude la strada delle elezioni in Trentino e si preferisce – ma i tempi non sono decisi – il percorso delle elezioni suppletive, anche se le dimissioni di un senatore devono essere votate nell’Aula di palazzo Madama a scrutinio segreto. Proprio ieri era stata Michaela Biancofiore a descrivere e offrire lo spiraglio: «A ottobre da noi si vota per le Regionali, e in Trentino i probabili candidati alla presidenza sono parlamentari in carica: il candidato presidente lascerà libero il proprio collegio elettorale che propongo di riservare a Berlusconi». Chi sarà il candidato? «Salvini vorrebbe fosse il leghista Maurizio Fugatti. Dopo Lombardia, Veneto e Friuli, il Trentino dovrebbe spettare a noi di Forza Italia, ma se il presidente Berlusconi vorrà fare anche questo atto di generosità, allora Fugatti libererà il collegio uninominale di Pergine Valsugana, dov’è stato eletto il 4 marzo, da sempre vicino al centrodestra».

berlusconi governo lega m5s

Ma davvero i parlamentari di Forza Italia non vedono l’ora di lasciare il posto a Silvio Berlusconi? Giorgio Mulé conferma al Fatto Quotidiano che è così: “C’è la fila, glielo assicuro. La fila. Non sa quanti da stamattina su whatsapp scrivono di volergli lasciare il posto. Ma non c’è urgenza: è come se non se ne fosse mai andato dal Parlamento”. Chi sono questi generosi onorevoli? “Mica posso dirglieli tutti… e se gliene dicessi solo qualcuno farei un torto agli altri”. Licia Ronzulli conferma.

Quale seggio riporterà Silvio in Parlamento?

Il Fatto Quotidiano spiega ancora che il seggio più suggestivo è quello di Arcore. Ovvero quello di Monza, dove per un divertente capriccio della Storia è stata eletta Stefania Craxi. La figlia di Bettino ci ride su: “Non faccio parte della fila per lasciare la poltrona. Ma se me lo chiede Berlusconi, sono naturalmente disposta a farmi da parte”. Tra i senatori eletti nei fortini di Veneto e Lombardia ci sono intoccabili come la stessa Ronzulli, Paolo Romani e Niccolò Ghedini. Il meno celebre della lista è il senatore Marco Perosino, eletto a Cuneo, alla sua prima legislatura. È sindaco di Priocca (Cn), consigliere provinciale, anche lui passato per una condanna e una riabilitazione. E anche lui si mette a disposizione.

sondaggi di maio 1

La domanda più gettonata però è un’altra. Ovvero: la sua eleggibilità recuperata servirà a far recuperare voti alla sua creatura, quella Forza Italia che è finita ignominiosamente dietro la Lega il 4 marzo? I sondaggisti non hanno un’opinione unica al riguardo, le valutazioni sul ritorno del Cavaliere sono diverse. Roberto Weber, Ixè, sentito dalla Stampa, è tra gli scettici: «Non penso che cambierebbe molto: di fatto in campo c’era anche questa volta, anche se non si poteva candidare. In Friuli è stato molto presente, eppure… Salvini è un leader giovane, si sposa con questa stagione molto meglio». Semmai «vedo dei rischi per il governo che dovrebbe nascere: M5S ha preso circa 3 milioni di voti dalla sinistra» e con un Berlusconi di nuovo protagonista «rischiano di perdere molti consensi sostenendo il governo», perché sarà più difficile separare l’immagine della maggioranza da quella del leader di Fi.

Ma Berlusconi recupererà voti?

Al contrario, secondo Antonio Noto, di “Noto sondaggi”, la “riabilitazione” avrebbe degli effetti, ma solo se si tornasse a elezioni a breve. «Una parte di elettorato di Fi ha votato Lega perché FI non aveva il leader in campo. Molti di questi potrebbero tornare a votare per Berlusconi». Ovviamente, precisa, si tratterebbe di uno spostamento di voti soprattutto tra la Lega e FI, «non credo che potrebbe esserci un aumento sostanziale del centrodestra nel suo complesso».

matteo salvini berlusconi condannato - 3

La questione attualmente cogente però è il governo Lega-M5S, già movimentato dal caso Meloni e sotto osservazione da parte di Mattarella. Berlusconi ha informalmente confermato a Salvini che la decisione del tribunale di Milano non cambia nulla a proposito delle decisioni già prese. Ma in futuro?

Berlusconi e il governo Lega-M5S

Secondo Repubblica Silvio ha un piano in mente piuttosto chiaro: «Votiamo contro la fiducia, ma facciamo partire questo governo. Poi li mandiamo a sbattere contro un muro». Tornare candidabile è un regalo che assomiglia alla vendetta, va servita fredda. «Tutti calmi», allora. Niente mosse false, bisogna portare a Palazzo Chigi Matteo Salvini e «Luigi lo steward», come ha ripreso a chiamare Di Maio. Poi dedicarsi a farli fallire alla prova del governo. Infine sgambettarli. Entro dicembre, con la prossima legge di stabilità. E già immagina il proprio nome fuori dai seggi elettorali, “Berlusconi premier”, per nuove elezioni politiche nella primavera del 2019.

berlusconi

I retroscena lo dipingono sempre come il Caimano, ma intanto tornare in Parlamento in questa legislatura significherebbe avere uno scudo interessante che potrebbe anche avere qualche ripercussione sui suoi guai giudiziari attuali. In altre occasioni, come cinque anni fa quando tutti lo davano per (politicamente) morto, Berlusconi ha stupito tutti con performance elettorali di tutto rispetto. In occasione della campagna elettorale 2018 però ha evidentemente perso smalto e qualità. Ma già il fatto che stia per tornare sul sentiero di guerra dovrebbe preoccupare.

Foto copertina da Instagram

Leggi sull’argomento: Qual è il piano del M5S sull’ILVA di Taranto?