Fatti

Il PD propone una mozione di sfiducia per Matteo Salvini

@neXt quotidiano|

maria elena boschi mozione sfiducia salvini

Maria Elena Boschi annuncia su Twitter che il Partito Democratico presenterà una mozione di sfiducia per il ministro dell’Interno Matteo Salvini. La mozione era stata proposta da Michele Anzaldi qualche giorno fa.

Il PD propone una mozione di sfiducia per Matteo Salvini

“Salvini fugge dal Parlamento. Il M5s tiene come sempre i piedi in due staffe”, dunque, propone, su Twitter, Maria Elena Boschi, “c’e’ solo un modo per essere seri: presentare oggi stesso una mozione di sfiducia a Salvini alla Camera”. “Così scopriremo finalmente che cosa dira’ Salvini e come voteranno i grillini”, osserva l’esponente Pd. Alla richiesta si è accodato Matteo Renzi con un retweet.

anzaldi sfiducia salvini - 1

Che cosa voteranno i parlamentari del MoVimento 5 Stelle? È quasi scontato che – così come hanno salvato Salvini sulla Diciotti – lo salveranno anche questa volta, magari dopo aver fatto la solita votazione farsa su Rousseau. Ma vale la pena qui ricordare di quando il M5S presentò una mozione di sfiducia individuale contro la ministra delle riforme del Governo Renzi Maria Elena Boschi sui presunti favoritismi nei confronti del padre e di Banca Etruria.

Anche in quel caso la questione di eventuali passaggi di denaro era marginale. Il punto era politico, vale a dire il presunto conflitto d’interessi nella vicenda Etruria. Renzi difese a spada tratta la Boschi, la sfiducia venne respinta ma forse fu proprio nel dicembre del 2015 che iniziò il declino del premier. I

d'amico savoini presidenziali russia 2018 - 1
D’Amico e Savoni in qualità di osservatori internazionali durante le presidenziali russe del marzo 2018

Il MoVimento 5 Stelle sa che nell’affaire Metropol non è rilevante il fatto che la trattativa non si sia conclusa con un passaggio di denaro e che il punto è che ci sia stata, come conferma uno dei partecipanti. E finché Salvini non chiarirà a che livello arriva il coinvolgimento della Lega rimarrà sempre il dubbio che Savoini non abbia agito per suo conto. Fino a che punto il M5S potrà continuare a reggere il moccolo a Salvini e soprattutto a perdere voti? È nell’interesse del Governo e del M5S che Salvini faccia chiarezza. Ah, se solo ci fosse qualcuno in grado di dire al Capo della Lega che cosa deve fare.

Leggi anche: Di Maio e i tremila Navigator idonei rimasti senza posto di lavoro