Fact checking

La mail dello staff di Beppe Grillo a Marika Cassimatis

beppe grillo marika cassimatis

Per tutti gli appassionati di democrazia diretta da Grillo, neXt pubblica oggi la mail con cui lo staff di Beppe ha comunicato l’avvio di un procedimento disciplinare nei confronti di Marika Cassimatis, vincitrice delle Comunarie a Genova e poi esclusa dal Padrone Assoluto del MoVimento 5 Stelle nelle vesti di capo politico e garante dei grillini. È importante sottolineare che si tratta della contestazione preventiva dello staff e non del provvedimento con cui i probiviri hanno comunicato la sospensione (che ad oggi la Cassimatis non ha ricevuto, avendo appreso della sua espulsione dalla lettura del blog di Grillo).

La mail con cui Beppe Grillo ha cacciato Marika Cassimatis

La mail dello staff di Beppe Grillo contiene argomenti surreali. Basti pensare che la maggior parte delle contestazioni nei confronti della Cassimatis riguardano comportamenti precedenti all’approvazione del regolamento (datata 27 ottobre 2016) tramite il quale è stata messa in moto la procedura di espulsione (e che verrà presto giudicato dal tribunale). Oltre a interessanti considerazioni da cortocircuito spazio-temporale: ad esempio le si imputa di aver presentato “querela penale” (sic) nei confronti di Grillo per le motivazioni con cui Beppe l’ha esclusa ma si “dimentica” di segnalare che nel famoso post il Capo Politico nonché Garante del M5S ha, appunto, accusato la Cassimatis senza fornire alcuna prova della sua condotta scorretta. Oppure le si contestano le dichiarazioni alla stampa in merito alla querela, dimenticando anche qui che senza l’immotivata sanzione non ci sarebbe stata alcuna dichiarazione.

Le comunichiamo l’avvio del procedimento disciplinare nei suoi confronti previsto dall’articolo 4 del regolamento del MoVimento 5 Stelle, in relazione ai seguenti fatti:
– presentazione di querela penale all’Autorità Giudiziaria contro Beppe Grillo in relazione a presunta diffamazione connessa alla pubblicazione del post con il quale Beppe Grillo aveva comunicato di escluderla dalla competizione elettorale per le elezioni comunali di Genova (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle);
– rilascio di pubbliche dichiarazioni riportate anche dalla stampa in merito alla presentazione della suddetta querela penale (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle);
– rilascio di pubbliche dichiarazioni riportate anche dalla stampa con le quali accusava Beppe Grillo e lo staff di gravi scorrettezze nei suoi confronti con particolare riguardo alla pubblicazione del post con il quale si era comunicata la sua esclusione dalla competizione elettorale per le elezioni comunali di Genova, affermando che l’esclusione sarebbe stata disposta per toglierla di mezzo perché la vittoria di Pirondini, decisa a tavolino, non era andata in porto (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle);
– dichiarazione resa in data 13 maggio 2016 con post gravemente critico per la sospensione Pizzarotti “Era proprio necessario sollevare, ora, questo polverone? Cui prodest, mi chiedo, perché se un piedino getta un’esca, andare ad inghiottirla con tutto l’amo diventa dolo” (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle; nonché non rispettoso delle decisioni assunte dagli organi del MoVimento medesimo);
– pubblicazione di post in data 22 maggio 2016 in cui viene condivisa foto del Partito della Rifondazione Comunista sui referendum da firmare (atto suscettibile di avvantaggiare altri partiti);
– pubblicazione del post in data 18 ottobre 2016 in cui appoggia pubblicamente il consigliere Putti in relazione ad una dichiarazione scorretta dello stesso contro la consigliera regionale Alice Salvatore (atto contrario a lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti e portavoce, e suscettibile di pregiudicare l’immagione e l’azione politica del MoVimento);
– pubblicazione del post in data 27 ottobre 2016 nel quale appoggia il dissidente Battistini (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle);
– pubblicazione del post in data 3 novembre 2016 nel quale manifesta pubblicamente apprezzamento per l’Amministrazione comunale di Parma per la gestione dei rifiuti (atto suscettibile di pregiudicare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle).

marika cassimatis beppe grillo
Beppe Grillo e Marika Cassimatis

I suddetti comportamenti sono suscettibili di integrare gravi e reiterate violazioni dei doveri previsti dal regolamento del MoVimento 5 Stelle, e di danneggiare l’immagine e l’azione politica del MoVimento 5 Stelle. Ciò, anche in relazione alla sua posizione di aspirante candidato sindaco di Genova, ed alle conseguenti amplissime ricadute mediatiche delle sue condotte.
Se pensa che questa contestazione sia infondata o basata su informazioni non corrette può mandare le sue controdeduzioni entro dieci giorni a questa mail.
Lo Staff

Ma il bello sono le contestazioni successive: si accusa la Cassimatis per un post su Pizzarotti in cui è evidente l’intenzione di criticare entrambe le parti in causa (“Cui prodest, mi chiedo, perché se un piedino getta un’esca, andare ad inghiottirla con tutto l’amo diventa dolo”); la si accusa di aver favorito un altro partito politico perché ha condiviso un post di Rifondazione Comunista a proposito di firme su alcuni referendum, “dimenticando” che i partiti politici NON si votano ai referendum; le si imputa di aver appoggiato i dissidenti genovesi Putti e Battistini nell’ottobre scorso quando Putti ha lasciato i 5 Stelle nel 2017 e Battistini è finito sotto procedimento disciplinare nel gennaio scorso (e quindi all’epoca né l’uno né l’altro si poteva considerare un dissidente).

La legge è uguale per tutti, raga!1!

L’ultima chicca è l’apprezzamento per la gestione dei rifiuti dell’amministrazione di Parma, che diventa “un atto suscettibile di pregiudicare l’azione politica” del M5S. E come stiano insieme le due cose è un mistero poco gaudioso, a meno di non immaginare una coda di paglia lunga svariati metri. E una metodologia che non può non far venire in mente, per assonanza, la striscia di Stefano Disegni pubblicata oggi sul Fatto Quotidiano che ha per protagonisti il solito Beppe e Davide Casaleggio:

marika cassimatis beppe grillo 1
Da Il Fatto Quotidiano del 9 aprile 2017

E intanto continua ad arricchirsi di altri particolari surreali la diabolica mossa di Beppe Grillo per fregare Marika Cassimatis alla vigilia dell’udienza in tribunale. Beppe infatti ha annullato la votazione perché sarebbe stata “indetta con un preavviso inferiore al termine minimo di 24 ore prescritto dall’articolo 3 del regolamento del MoVimento 5 Stelle per le votazioni per la scelta dei candidati alle elezioni“.
marika cassimatis
Il post pubblicato ieri sera sul blog di Beppe Grillo

Insomma, il voto che ha incoronato la Cassimatis è stato annullato da Beppe Grillo perché era stato indetto irregolarmente da Beppe Grillo – fa ridere ma è drammatico!). Solo che qui l’affaire si ingrossa per Beppe & Co. In primo luogo perché anche altri voti per la scelta dei candidati alle elezioni amministrative ad esempio l’ultimo, quello per Parma e Piacenza, ma è successo anche a Verona [grazie a chi lo ha segnalato nei commenti] – sono stati indetti senza il preavviso di 24 ore. Ma quelli, stranamente, il Garante non li ha annullati. E in secondo luogo perché si è votato senza il preavviso di 24 ore anche per il candidato sindaco di Palermo all’epoca delle ben note polemiche per le firme false. Ebbene, uno degli attivisti di Palermo schierati con i parlamentari accusati dalla procura qualche giorno fa ha ricordato su Facebook che anche quella votazione allora dovrebbe essere considerata irregolare.
marika cassimatis beppe grillo 2
La mail dello staff che avverte del voto di Palermo senza preavviso di 24 ore

Ma tanto la legge di Beppe è uguale per tutti, no?

Leggi sull’argomento: L’atto di citazione di Cassimatis contro Grillo