Politica

Lorenzo Fioramonti non si aspettava che le sue dimissioni venissero accettate

fioramonti

“Le mie dimissioni nascono da lontano, ma non mi aspettavo che mandando la lettera a Conte le dimissioni venissero accettate”: in un tripudio di stavo a scherza’, ahò, scherzavo, l’ex ministro della Pubblica Istruzione Lorenzo Fioramonti ha spiegato oggi a chi lo aveva elogiato per il gesto di coerenza dell’addio a viale Trastevere che la sua era una tattica che però è andata male.

Lorenzo Fioramonti non si aspettava che le sue dimissioni venissero accettate

Fioramonti, che minacciava da mesi l’insano gesto (per la politica italiana), ha mandato le sue dimissioni alla vigilia di Natale e ha ufficializzato tutto su Facebook a Santo Stefano. Intanto oggi Matteo Salvini ha chiesto le dimissioni di Lucia Azzolina dopo l’articolo di Repubblica che parlava di presunti plagi nella sua tesi di laurea.

lorenzo fioramonti

Fioramonti ha parlato anche di Di Maio: “Un passo indietro di Di Maio dalla guida del MoVimento? Il M5s soffre di problemi strutturali, una sostituzione al vertice non risolve il problema. Non vorrei si trovasse con lui un capro espiatorio per giustificare gattopardescamente che tutto cambi perché nulla cambi”. Ma poi è andato all’attacco: “Chi comanda nel M5S? Dopo due anni di militanza e di attività non so ancora rispondere a questa domanda – ha risposto -. Le potrei dire che comanda Luigi Di Maio con 3-4 persone intorno a lui. Amici, persone di cui si fida, non persone elette, individuate in modo trasparente. Sicuramente non comandano quasi nulla i parlamentari, tantomeno i ministri. Sicuramente non si decide su Rousseau, tranne cose banali. Quindi non lo so, non lo so davvero”. “In dieci mesi secondo loro dovrei restituire 7 mila euro al mese – ha detto Fioramonti -. La mancanza di trasparenza vuol dire anche rendere impossibile contrastare le fake news. Dall’anno scorso noi abbiamo deciso di non restituire più perché siamo passati da un conto dello Stato a un conto privato intestato a tre persone, ai due capigruppo e ai Luigi Di Maio. Chi gestisce questi soldi? Non lo sappiamo. Ma sono conti su cui giacciono milioni di euro”.

Leggi anche: Gianluigi Paragone e i compagni di scuola di Di Maio assunti al ministero