Politica

Laura Castelli e i ristoratori che devono cambiare mestiere

La prima pagina del Tempo titola “Attacco ai ristoratori” per quello che ha detto la viceministra a Tg2 Post. Ma vogliamo vedere cosa ha detto Laura Castelli sui ristoratori di preciso?

Ieri a Tg2 Post hanno fatto scalpore le dichiarazioni della viceministra all’Economia Laura Castelli, secondo la quale i ristoratori dovrebbero cambiare mestiere. Il testo completo della battuta è questo: «Questa crisi ha spostato domanda e offerta, le persone hanno cambiato il modo di vivere, e bisogna aiutare gli imprenditori dei nuovi business che sono nati in questo periodo. Certo che se una persona decide di non andare più al ristorante bisogna aiutare l’imprenditore a fare un’altra attività e non perdere l’occupazione e va sostenuto anche nella sua creatività, magari ha visto un nuovo business. Io credo che negare che questa crisi abbia cambiato la domanda e l’offerta in termini macro economici sia un errore. Vanno aiutato le imprese, sposteremo le tasse». L’affermazione è stata successivamente sintetizzata sulla prima pagina del Tempo da Franco Bechis così: «Non avete più clienti? Cambiate mestiere».

 

laura castelli attacco ristoratori tg2 post

La Castelli, che in tantissime occasioni ci ha fatto ridere con le sue affermazioni fuori dal mondo – come quella volta che davanti ai commercialisti disse di aver esercitato la professione senza titoli o il mitico “questo lo dice lei!” a Padoan – e sulla quale il giudizio complessivo non cambia di certo, nell’occasione non dice nulla di così trascendentale visto che ha soltanto suggerito di puntare sull’innovazione. Semmai bisogna notare che dirlo è facile, farlo è un altro paio di maniche e non si capisce in che modo il governo abbia aiutato finora chi vuole puntare sull’innovazione. semmai. Ma definire il tutto come “un attacco ai ristoratori” e facendo intendere che abbia detto “Non avete più clienti? Cambiate mestiere” invece è un’operazione di chiara matrice politica che serve ad attaccarla e a metterla alla berlina. La cosa divertente è che arriva da Bechis, che fino a poco tempo fa era un idolo dei grillini perché li difendeva e poi, dopo il governo del M5S con il PD, ha cambiato verso ed idea. All’epoca loro lo osannavano. Adesso si meritano operazioni di questo genere.

EDIT ORE 16,25: Laura Castelli risponde su Facebook:

Dispiace constatare che, pur di attaccare il Governo, alcuni giornali non facciano altro che inventare e fomentare notizie inesistenti, assumendosi anche la responsabilità di generare conflitti sociali.
In questa fase delicata, segnata dalla pandemia, titoli come quello de Il Tempo, che dicono l’opposto di quella che è la realtà dei fatti, rischiano di creare panico.
Non è corretto sfruttare la sofferenza delle persone, per vendere, forse, qualche copia in più. C’è bisogno di responsabilità, da parte di tutti.
Ed è quello che, come Governo, stiamo facendo sin dall’inizio, monitorando le difficoltà quotidiane e intervenendo, passo dopo passo, per dare supporto a cittadini e imprese, con strumenti straordinari che vanno dalla cassa integrazione al credito d’imposta per gli affitti, dai contributi a fondo perduto ai bonus per le partite iva, dai congedi straordinari ai contributi per asili nido e centri estivi, solo per citarne alcuni.
Alle misure già approvate, per un totale di 80 miliardi con i Decreti Cura Italia e Rilancio, si aggiungeranno quelle che potremo adottare dopo l’ulteriore scostamento di 20 miliardi e che, prevedranno, come dico da sempre, ulteriori sostegni alle filiere più colpite, a partire da quella del turismo e della ristorazione, che stanno pagando il prezzo più alto.

laura castelli attacco ristoratori tg2 post

Nel contempo, però, è dovere nostro, e di tutta la politica, pensare anche a medio termine, ossia aiutando sin d’ora gli imprenditori che intendono farlo a muoversi verso nuovi modelli di attività. Ce lo impone il quadro economico provocato dal Covid, che ha inciso su bisogni e abitudini degli italiani. Negarlo, o fare finta di non capirlo, significa voler prendere in giro tutti gli imprenditori.

Ps. questo è quello che ho veramente detto sul tema, e la citazione del ristorante, ovviamente, è un esempio e non un attacco alla categoria, come strumentalmente qualcuno ha voluto far intendere:
“Nel Rilancio, lo voglio ricordare, sugli affitti, sulle bollette, sul fondo perduto sono state date misure importanti. E guardate che dall’estero ce lo riconoscono. Poi non è abbastanza, facciamo un altro scostamento di 20 miliardi a breve, dove rifinanzieremo quello che serve per la cassa integrazione e in più degli aiuti. Però mi faccia dire una cosa, questa crisi ha spostato la domanda e l’offerta. Le persone hanno cambiato il modo di vivere e bisogna tenerne conto, bisogna aiutare le imprese e gli imprenditori creativi a muoversi sui nuovi business che sono quelli che sono nati. Ci possiamo dire che sono nati? Sono processi di lungo termine, ma se una persona decide di non andare più a sedersi al ristorante, bisogna aiutare l’imprenditore a fare magari un’altra attività, a non perdere l’occupazione e va sostenuto anche nella sua creatività, che magari ha visto che c’è un nuovo business che può affrontare. Io credo che negare il fatto che questa crisi abbia cambiato la domanda e l’offerta di questo Paese, proprio in termini macroeconomici, sia un errore. Vanno aiutate le imprese. Sposteremo alcune scadenze, come quelle di settembre, per recuperare quello che era stato sospeso, abbiamo sospeso 13 miliardi di tasse e cancellato una rata dell’IRAP, una parte dello scostamento servirà anche per cancellare alcune tasse che gli italiani non pagheranno più”.

Leggi anche: Salvini contestato a Martina Franca