Fact checking

La Lega non ha i numeri per evitare il processo a Salvini su Nave Gregoretti

alessandrodamato|

salvini gregoretti diciotti - 4

Il processo per sequestro di persona nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per il caso di Nave Gregoretti sarà difficilmente evitabile, al contrario di quello che è successo con la Diciotti. E anche se ieri il Fatto Quotidiano parlava di una richiesta a Italia Viva da parte di Denis Verdini per votare no all’autorizzazione (piuttosto improbabile, visto che Matteo Renzi dovrebbe spiegare a un elettorato a cui ha indicato il nemico nel Capitano perché avrebbe deciso di salvarlo), la verità è che i numeri condannano il leader del Carroccio.

La Lega non ha i numeri per evitare il processo a Salvini su Nave Gregoretti

Roberto Calderoli in testa e gli altri esperti di meccanismi parlamentari hanno spiegato al capo che la sentenza, salvo sorpresa, è scritta: il Senato accoglierà la richiesta del Tribunale dei ministri per mandare sotto processo l’ex capo del Viminale per il caso della nave della Guardia Costiera bloccata con a bordo 131 migranti al largo di Augusta dal 27 al 31 luglio 2019, giorni in cui Salvini era in vacanza al Papeete. Spiega oggi Carmelo Lopapa su Repubblica che a inchiodare il leghista sono i numeri.

Calderoli conosce bene l’articolo 135 bis del regolamento di Palazzo Madama, quello che disciplina l’“Esame degli atti tramessi dall’autorità giudiziaria per l’autorizzazione a procedere”. Ebbene, prevede che per il rigetto della richiesta occorre il voto palese della maggioranza dei componenti del Senato. Qualunque sarà il voto in giunta per le immunità che si pronuncerà il 20 gennaio.

Vuol dire che occorreranno 160-161 voti per respingere la richiesta di processo (è morto un senatore, Franco Ortolani, e va sostituita la neo governatrice umbra Donatella Tesei). Ma ammesso che ai no di tutti i 140 senatori del centrodestra si sommino quelli dei 17 renziani – ammesso cioè che l’ex premier oggi leader di Italia Viva dica ai suoi di salvare l’altro Matteo, in contrasto con quanto fatto a febbraio per il caso Diciotti – ebbene, l’asticella si fermerebbe comunque a quota 157. Ne mancherebbero quattro all’appello per evitare il processo.

salvini gregoretti abuso poteri

In ogni caso Renzi sembra che quel regalo non sia per nulla intenzionato a farlo:

Non va diversamente nella giunta presieduta da Gasparri: 12 senatori dell’attuale maggioranza, 10 di centrodestra, un senatore delle Autonomie. Salvini non ha certo paura del processo, sostiene il capogruppo leghista Massimiliano Romeo, «ma è inaccettabile pensare di processare chi, da ministro, non certo da privato cittadino, ha difeso i confini del proprio Paese nel rispetto delle regole e combattendo l’immigrazione clandestina». Resta qualche incognita che lascia uno spiraglio. Per esempio, il drappello di grillini sensibili alle sirene salviniane, a Palazzo Madama più che alla Camera, da Giarrusso a Paragone. Ammesso che anche loro possano servire e bastare.

Salvini, la Gregorettie  la paura della Legge Severino

Salvini spera che a quel voto in aula, a febbraio, si arrivi dopo un successo in Emilia Romagna. Che metta fine al governo e magari alla legislatura. Ma questo ad oggi è improbabile, anche perché secondo gli ultimi sondaggi Bonaccini è ancora avanti su Borgonzoni. E in ogni caso la fuga dal processo di Salvini è alquanto curiosa visto che, come sostiene la sua avvocata Giulia Bongiorno, «ci sono documenti che provano sia l’interesse pubblico sia la condivisione del Governo» nella decisione di non consentire lo sbarco alle persone a bordo del pattugliatore della Guardia Costiera. L’avvocata ha anche aggiunto che «se ci fosse un processo risulterebbe evidente che non ci sono gli estremi del sequestro di persona, consideri anche il fatto che queste persone furono aiutate in tutti i modi sia dal punto di vista strettamente sanitario o gli furono somministrati degli alimenti e non ci fu un abbandono o un sequestro», ma il reato di sequestro di persona non ha nulla a che vedere con il fatto che i presunti sequestrati siano stati o meno nutriti (generalmente durante i sequestri le vittime vengono rifocillate, l’unica cosa che non possono fare è disporre della propria libertà).

salvini gregoretti sbarco governo - 1

Allo stesso tempo però la Lega deve continuare a insistere sulla linea della decisione collegiale e condivisa del governo. Non solo perché questo è quello che prevede il Decreto Sicurezza ma anche perché al Senato Salvini dovrà dimostrato che ha agito in base all’interesse pubblico e non ad un suo interesse privato (ad esempio quello di usare il “caso Gregoretti” per una mossa di propaganda politica). In questo senso vanno lette le “indiscrezioni” di fonti della Lega riportate dalle agenzie di stampa in queste ore secondo le quali Salvini avrebbe conservato copia delle interlocuzioni scritte avvenute a proposito della Gregoretti. Si tratterebbe “numerosi contatti anche tra il ministero dell’Interno, la presidenza del Consiglio, il ministero degli Affari esteri e organismi comunitari”. Inoltre, sulla redistribuzione degli immigrati, secondo la Lega, era stata contattata anche la CEI. Quest’ultimo fatto non prova nulla, perché i contatti con la CEI e gli altri paesi europei potevano essere intavolati anche successivamente, ad esempio mentre i migranti si trovavano nell’hot spot di Pozzallo (dove sono stati trasferiti dopo lo sbarco) per l’identificazione. Nel momento in cui erano a bordo della nave queste procedure non erano ancora state ultimate e quindi la trattativa poteva al massimo essere sulle cifre ma non sui singoli individui.

salvini gregoretti sequestro di persona

Tutt’altro argomento è quello adombrato da Salvini sul rischio che scatti la Legge Severino in caso di condanna: per Salvini, una eventuale condanna in primo grado non vorrebbe dire essere incandidabile, ma prevederebbe la sospensione in caso di elezione. Ed ecco dunque che quel riferimento tra le righe dell’intervista al Corriere evidenzia il vero timore del numero uno della Lega. Che teme che la trappola si materializzi grazie al combinato disposto tra una condanna in primo grado e quanto previsto dalla legge Severino.

Leggi anche: Perché Salvini ha una gran paura della Gregoretti e della Severino