FAQ

Sondaggi Emilia Romagna, centrosinistra e Bonaccini avanti

@neXt quotidiano|

stefano bonaccini

Il 26 gennaio si vota in Emilia Romagna e il governatore uscente Stefano Bonaccini si prepara al rush finale con i sondaggi a favore. Spiega oggi Repubblica che cresce il vantaggio di Bonaccini rispetto alla sfidante leghista Lucia Borgonzoni nelle intenzioni di voto e si avvicinano i risultati delle liste.

Ieri è stato diffuso il sondaggio di Opinio per la Rai, realizzato il 19 dicembre intervistando un campione di 1000 casi. Nelle intenzioni di voto, Bonaccini è davanti con una forbice tra il 44,5 e il 48,5% , mentre Borgonzoni si attesta tra il 41,5 e il 45,5%. La difficoltà di Borgonzoni è soprattutto nelle liste d’appoggio, alcune non sono presenti in tutte le province. Ad esempio la lista “Cambiamo” di Giovanni Toti non è presente a Bologna. La lista dei Giovani per l’ambiente, risposta leghista alle liste ambientaliste di sinistra, non è presente a Reggio Emilia. Così Borgonzoni appare trainata da una Lega forte. Ma la coalizione di centrosinistra è avanti: per Ixé si attesta tra il 42 e il 44% mentre il centrodestra è tra il 41 e il 43%.

sondaggi emilia romagna
Le candidature attuali e tramontate in Emilia-Romagna (La Repubblica, 29 dicembre 2019)

Del resto Bonaccini ha mobilitato un fronte larghissimo: dalla sinistra agli ambientalisti, con il Pd che schiera anche la giovane consigliera comunale Giorgia De Giacomi, in piazza con i Fridays for Future. Il centrodestra si affida a nomi noti come Vittorio Sgarbi capolista per Forza Italia, anche se alla fine è tramontata la candidatura dell’attrice Serena Grandi.

Leggi anche: Quanto costa coltivare cannabis in casa