Tecnologia

“A tutti i miei contatti che installeranno l’app IMMUNI” e la storia (falsa) del tracciamento senza consenso

Da quando l’app di Bending Spoons è disponibile per il download su iOS e Android ed è partita la sperimentazione in quattro regioni italiane, gira una catena di messaggi su Facebook e Whatsapp che vale la pena segnalare

L’APP Immuni risveglia le menti dei complottisti italiani. Da quando l’app di Bending Spoons è disponibile per il download su iOS e Android ed è partita la sperimentazione in quattro regioni italiane, gira una catena di messaggi su Facebook e Whatsapp che vale la pena segnalare.

catena app immuni a tutti i miei contatti che installeranno l'apèp covid-19

A tutti i miei contatti, che installeranno l’app COVID-19.
Vi prego di cancellarmi dalla vostra lista di contatti telefonici e Facebook, prima di installare l’app sul vostro smartphone!
Non fornisco il mio consenso per usare il mio numero di telefono in connessione con la tua app per l’identificazione, il monitoraggio o la localizzazione della mia persona!!!
Perché, se avete questa applicazione tutti i vostri contatti saranno conosciuti e rintracciati a loro volta, contro la loro volontà.
Grazie, amici, ma io sono totalmente contrario a che si possa istallare una simile app sul cellulare. Tale richiesta, da parte del governo o di chiunque, è ASSOLUTAMENTE ILLEGALE POICHÉ PRIVA IL DIRITTO DELLA PERSONA, SANCITO DALLA COSTITUZIONE, A TUTELARE LA PROPRIA PRIVACY!

Ps: Io non userò questa app, proteggo, così, anche i miei contatti e questo non toglierà ad alcuno l’amicizia o i legami che ci uniscono.

Se anche tu non sei d’accordo con l’app COVID-19, Non esitare ad avvisare i tuoi contatti😉 Grazie.

La catena è infatti l’esatta copia dell’appello a farsi rimuovere dai contatti di chi scarica l’app COVID-19 AB TraceTogether e mette insieme le stesse frescacce sui contatti telefonici e Facebook che verrebbero condivisi. Non è vero perché IMMUNI non funziona così e di solito queste cose succedono a chi fa test tipo “Quale personaggio della Bibbia sei” e non è un caso che siano poi proprio questi a lamentarsi dei superpoteri (inventati) dell’app. L’altro appello invece riguardava AB TraceTogether, distribuita in Canada dove la provincia di Alberta ha pubblicato pagine web in cui ne spiegano l’utilizzo, oltre che un video su Youtube:

Ovviamente qui non è possibile scaricarla sull’Apple Store o su Android:

ab tracetogether

La Reuters racconta che la parte più difficile della questione anche in Canada è quella di convincere la gente a scaricare l’app, visto che anche lì, come qui, sono convinti che tracci la rubrica dei contatti Facebook e quella del telefono, cosa non vera (quello lo fanno le app del tipo “Scegli che tipo di personaggio dei Simpson sei”). Finora solo il 4% della popolazione, pari a 165mila persone, lo ha fatto. Al contrario, l’app di Singapore – il cui modello è stato usato per quella di Alberta – ha 1,4 milioni di utenti, ovvero quasi il il 25% della popolazione del paese. L’app, precisa Reuters, raccoglie i numeri di telefono e il tempo totale trascorso con le persone che sono arrivate entro due metri l’una dall’altra (e non i contatti facebook o della rubrica) per un totale di 15 minuti in un periodo di 24 ore, ma senza raccoglie dati sulla posizione.

Leggi anche: Salvini e l’app IMMUNI che non si deve scaricare perché ha i soci cinesi