Tecnologia

Twitter si esprime sul sondaggio di Musk: per il 57.5% dovrebbe lasciarne la guida

Asia Buconi|

elon musk

Twitter continua a dare non pochi grattacapi ad Elon Musk. Un sondaggio realizzato oggi sulla piattaforma dall’imprenditore multimiliardario è finito (di nuovo) per ritorcerglisi contro. Nello specifico, il co-fondatore di Tesla ha invitato gli utenti ad esprimersi risponendo a un quesito molto chiaro: “Dovrei lasciare la guida di Twitter? Mi atterrò ai risultati di questo sondaggio”.

Il 57,5% degli utenti Twitter vuole che Elon Musk abbandoni la guida del social network

L’esito del sondaggio è stato brutalmente chiaro: il 57,5% dei votanti si è espresso a favore dell’addio a Twitter da parte di Elon Musk. Stando al conteggio operato dalla piattaforma, oltre 17.5 milioni di utenti hanno risposto al quesito del co-fondatore di Tesla. Al momento, si attende di sapere come Musk reagirà al verdetto del pubblico, anche se finora ha quasi sempre obbedito all’esito di consultazioni simili, come quella sul ritorno di Trump su Twitter o sulla riammissione dei giornalisti sospesi dal social, in nome del motto latino “vox populi, vox dei”, che Musk ha citato in più occasioni.

Tra l’altro, il sondaggio sul suo rimanere o meno alla guida di Twitter è stato realizzato da Elon Musk subito dopo un altro cinguettio piuttosto misterioso fatto qualche ora prima, in cui si leggeva: “Attenti a quello che desiderate: potrebbe avverarsi”.

In ogni caso, Elon Musk ha fatto sapere che non ci sarebbe nessuno al momento disposto a prendere il suo posto alla guida di Twitter, perché nessuno, di fatto, vuole prendersi la responsabilità di mantenerlo in vita. Tra l’altro, già qualche giorno fa, il fondatore di Space X aveva dichiarato a un tribunale del Delaware di essere alla ricerca di un nuovo capo per l’azienda e che avrebbe ridotto il tempo dedicato alla gestione di Twitter a causa di altri impegni. Se Musk decidesse davvero di abbandonare la guida del social network, le ipotesi dell’arrivo di un nuovo ad o di un disimpegno dalla proprietà non sarebbero certo irrealistiche.