Tecnologia

L’App IMMUNI e il GPS da attivare per il bluetooth su Android

Anche se l’app assicura che non utilizza il GPS, è indispensabile tenerlo attivo per far funzionare anche il bluetooth. Si tratta di una caratteristica presente solo su Android

Dopo il lancio dell’App IMMUNI avvenuto ieri e la scoperta che per il download è necessario aggiornare i sistemi operativi iOS e Android con le nuove API, in molti hanno segnalato un’altra caratteristica precipua per i telefoni cellulari con il sistema operativo di Google: anche se l’app assicura che non utilizza il GPS, è indispensabile tenerlo attivo per far funzionare anche il bluetooth.

L’App IMMUNI e il GPS da attivare per il bluetooth

In molti si sono chiesti il perché di questo obbligo, che tra l’altro sembra portare a consumi maggiorati per la batteria dei telefoni.

Se si disattiva la geolocalizzazione, dicono gli utenti, Immuni si disattiva e chiede di attivare il GPS.app immuni gps bluetooth

C’è chi ne chiede conto tra l’altro a Bending Spoons, la società che ha sviluppato l’app e che secondo Salvini non si deve scaricare perché ha soci cinesi:

app immuni gps bluetooth 3 app immuni gps bluetooth 2

C’è però chi fa notare che si tratta di una caratteristica del sistema operativo di Google, che ha impostato il bluetooth nei servizi di geolocalizzazione insieme al GPS: per questo se si spegne la geolocalizzazione IMMUNI non funziona.

app immuni gps bluetooth 4

Come ha spiegato qualche tempo fa Wired, infatti, “Per quanto riguarda la piattaforma di casa Google, Immuni potrà funzionare solamente con la geolocalizzazione attiva a livello di sistema operativo. Una caratteristica indicata come “indispensabile affinché il sistema funzioni correttamente” ma che non permetterà comunque a Immuni di acquisire le informazioni di localizzazione. Questo è confermato dal fatto che all’installazione, l’app non richiederà l’autorizzazione per accedere ai dati gps. Secondo quanto previsto dal documento, l’unica autorizzazione specifica richiesta da iOS sarà invece quella per l’invio delle notifiche di esposizione, già attive invece sul modello Android”. Anche DDay lo aveva spiegato in tempi non sospetti: “Storicamente Android accorpa il GPS e il bluetooth LE nei servizi di localizzazione, proprio perché il bluetooth può essere usato ad esempio per la navigazione indoor, dove il GPS non prende. Anche se chiede l’autorizzazione ad usare questi servizi l’applicazione non ha accesso ai dati di posizione GPS, solo al bluetooth”.

Leggi anche: App IMMUNI: il download e l’aggiornamento di iOS e Android