Opinioni

I pensili delle SAE caduti per il terremoto a Muccia

L’utente Facebook Riccardo Pompei, che vive a Muccia dove stanotte c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.6, ha pubblicato sul social network queste tre foto scattate in una delle casette SAE date ai terremotati. Negli scatti si vede che i pensili attaccati al muro sono crollati in occasione delle scosse.

sae casette terremoto muccia 1

Il sindaco di Muccia Mario Baroni all’ANSA stamattina aveva auspicato che non si fossero verificati danni alle case ancora agibili: “Speriamo che non ci siano nuovi danni alle abitazioni agibili, altrimenti dobbiamo ricominciare da zero, con nuovi sfollati e nuove casette Sae da costruire”. “La gente è stanca, siamo tutti stanchi, qui la paura non è mai passata dal 24 agosto del 2016 e la scossa di 4,6 di stanotte aggrava tutto”.

sae casette terremoto muccia 2

Andrea Cangini, senatore di Forza Italia eletto nelle Marche, ha protestato: “Dopo il danno, la beffa. Molte casette promesse quasi due anni fa ai terremotati marchigiani devono ancora essere consegnate, sconcerta notare i danni subiti da quelle già installate. Le foto di alcune unità abitative cosiddette antisismiche nel maceratese dopo la scossa di questa mattina lasciano senza parole. È normale che i pensili delle cucine si abbattano al suolo? È normale che cedano i muri di contenimento delle Sae? E infine, soprattutto, e’ normale che tanta inefficienza non sia imputabile ad un solo responsabile?”

sae casette terremoto muccia

La stessa cosa ha fatto la deputata del MoVimento 5 Stelle Carla Ruocco sulla sua pagina Facebook. In molti però hanno fatto notare che non si tratta di un cedimento strutturale:

muccia

Nei commenti c’è chi ha spiegato che il problema era tecnico: “Mi intendo un po’ di mobili… da quello che vedo la stecca reggi pensili è fissata solo con due stop e non ha retto…. se si mette singola su un.pensile io metto i tasselli da 12 e la stecca grande, non piccolina…. poi la sfortuna ha voluto la scossa…”. Ma il problema, secondo molti, rimane: “In una zona ad alto rischio sismico la scossa non è sfortuna, ma invece la superficialità di chi ha certificato quelle SAE credo possa definirsi imbecillità se non disonestà”. L’utente Facebook Antonella Paganelli pubblica però anche questa foto di un muretto crollato fuori da una delle SAE:

muccia cedimento strutturale

Le case sono costate 1070 euro al metro quadrato, ma a causa delle opere di urbanizzazione necessarie a renderle stabili e a collocarle accanto ai paesi originari, i costi sono lievitati fono a 6 – 7mila euro al metro quadro. «Sappiamo quanto sono costate, il doppio di una villa fatta bene (dalle nostre parti), ecco il risultato dopo una scossa 4,7 in una casetta, dentro la casetta e fuori dalla casetta», dice Antonella su Facebook.

Leggi sull’argomento: Terremoto, il crollo del campanile della chiesa di Muccia