Economia

La pax fiscale del governo Lega-M5S condona l’ICI alla Chiesa

ici chiesa governo lega-m5s

Dopo la pace fiscale tocca alla pax fiscale. Il governo Lega-M5S si appresta a condonare i miliardi di ICI che la Chiesa deve pagare secondo la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, che ha riformato una decisione della Commissione del 2012 e una sentenza del tribunale dell’Unione Europea che avevano stabilito “l’impossibilità di recupero dell’aiuto”.

La pax fiscale del governo Lega-M5S condona l’ICI alla Chiesa

Una decisione che avrebbe dovuto essere accolta con grida di giubilo dalla frangia grillina della maggioranza, visto che Beppe Grillo per anni ha chiesto ai preti di pagare l’ICI e anche di recente aveva sollecitato Virginia Raggi a riscuotere dal Vaticano il dovuto, visto che il vento stava cambiando. E invece nella maggioranza prima hanno cominciato a rimbalzare voci di ipotesi di complotto che volevano l’Europa pronta a vendicarsi per la manovra mettendo zizzania fra lo Stato italiano e la Chiesa. Ora che ha superato lo shock il governo si prepara a riscuotere. Ma a quanto pare con lo sconto.

chiesa governo ici
Gli immobili della Chiesa (La Stampa, 14 novembre 2018)

Palazzo Chigi, riferiscono fonti del Tesoro alla Stampa, è già al lavoro sul dossier, in collaborazione con la direzione della Concorrenza di Bruxelles e con i comuni (che sono i titolari dell’imposta sugli immobili), ed è pronto a rendere esecutiva, con tanto di cartelle esattoriali da spedire a Vaticano e diocesi, la sentenza di una settimana fa, con la quale la Corte di giustizia Ue ha clamorosamente riaperto il caso dei rapporti tra Stato e Vaticano in materia di tasse. Il conquibus è stato stimato intorno ai 4,8 miliardi di euro.

Uno sconto sulle cartelle anche alla Chiesa

Eppure, anche se riscuotere tutto potrebbe fornire risorse ai provvedimenti più costosi del governo gialloverde, l’esecutivo si sta orientando verso un forte sconto che assomiglia a un condono.  La somma, spiegano oggi Il Messaggero e La Stampa, potrebbe essere fortemente ridotta utilizzando gli -strumenti della “pace fiscale” che il governo sta mettendo a punto collegandola alla legge di Bilancio. Dunque: rottamazione, definizione agevolata, taglio del capitale, sconto o annullamento di sanzioni e interessi legali e di mora. Le ipotesi sono tutte aperte ma, viene fatto filtrare, la soluzione non è prossima. Serve infatti la collaborazione con i commissari alla Concorrenza di Bruxelles e con i Comuni (che sono i titolari dell’imposta sugli immobili).

imu chiesa raggi
Le proprietà immobiliari della Chiesa

Insomma, la flat tax per gli evasori fiscali, al debutto con la Manovra del Popolo, potrebbe essere applicata anche a San Pietro. Non è tutto così meraviglioso?

Leggi sull’argomento: La macchina del fango M5S sullo stipendio di Gregorio De Falco