Fatti

Il giornalista del Piccolo che si prende una testata dai no pass di Trieste | VIDEO

Il cronista è stato colpito alle spalle con una testata e poi con un pugno. L’aggressore era già noto per aver partecipato alle manifestazioni nel porto di Trieste, distinguendosi per atti di violenza

giornalista aggredito testata trieste piccolo no green pass

Ancora violenze contro i giornalisti. Dopo quelle subìte da Saverio Tommasi di Fanpage a Milano, i No Green Pass continuano a prendere di mira i cronisti scesi in piazza per lavorare raccontando le loro mobilitazioni. Questa volta il giornalista aggredito a Trieste fa parte della redazione del quotidiano “Il Piccolo”: colpito alle spalle, prima da una testata e poi con un pugno. Vittima delle violenze di piazza anche un altro giornalista.

Giornalista aggredito Trieste, pugni e testate a cronista del Piccolo

Il filmato è stato girato durante la manifestazione di sabato a Trieste. A tenere la telecamera in mano è Gianpaolo Sarti. Un uomo si avvicina a lui e, dopo esser arrivato alle sue spalle, lo colpisce con una testata. Poi, ancora, ecco arrivare un pugno. Il cronista piomba a terra con una ferita allo zigomo. Con lui è stato aggredito anche Andrea Pierini, collaboratore sempre del Piccolo ma anche di Telefriuli.

Le denunce per i disordini dei “No Green Pass” a Trieste

Dei circa 8mila partecipanti al corteo nel capoluogo giuliano, secondo quanto riferito dal Coordinamento No green pass Trieste, 18 sono stati denunciati per disordini dalla questura di Trieste. A sei dimostranti, invece, è stato notificato il foglio di via obbligatorio. La temperatura si è surriscaldata quando i partecipanti al corteo hanno cominciato a lanciare bottiglie di vetro e oggetti contro le forze di polizia, con gli agenti che cercavano di invitarli ad allontanarsi in quanto la manifestazione non era stata autorizzata.

Ma il bilancio potrebbe aumentare poiché in queste ore è in corso la visione dei filmati realizzati dalla Polizia scientifica al fine di “individuare ulteriori condotte delittuose a carico delle persone identificate e degli altri partecipanti ai disordini”, come spiega la Questura. L’analisi delle immagini potrà infatti consentire di individuare chi non ha rispettato il distanziamento e l’utilizzo delle mascherine durante il corteo di ieri pomeriggio. Per quanto riguarda l’aggressione subita dal giornalista del Piccolo, al momento, non si conosce lo stato delle indagini delle autorità inquirenti.