Attualità

Forza Nuova e la processione di Pasqua che sfida i divieti sul Coronavirus

Il partito di Roberto Fiore ha deciso di sfidare i divieti ai tempi dell’emergenza Coronavirus e di indire una processione di Pasqua a San Pietro per domenica 12 aprile

forza nuova pasqua

Forza Nuova, di cui abbiamo parlato di recente perché ha fatto causa a Facebook per riavere la sua pagina, l’ha persa e ha dovuto pagare 4500 euro di spese legali, ha deciso di sfidare i divieti ai tempi dell’emergenza Coronavirus e di indire una processione di Pasqua a San Pietro per domenica 12 aprile. «Altra domenica agli arresti domiciliari, altra domenica di quarantena, altra domenica senza messa. Altra domenica surreale, senza futuro e senza Dio», scrive Forza Nuova. «Per questo lanciamo per la domenica di Pasqua una mobilitazione a Roma, una processione fino a piazza San Pietro, contro gli arresti di massa, contro la quarantena, contro i divieti. Una mobilitazione per la libertà, per tornare a lavorare, per tornare a Messa, per tornare a vivere».

forza nuova processione di pasqua

Ora, in teoria dovrebbe succedere che chi parteciperà alla processione si troverà a pagare la multa e a ricevere denunce per un discreto numero di reati, anche se c’è già chi fa dell’ironia anche sui pericoli sanitari insiti nella manifestazione:

roberto fiore forza nuova

Ma basta ricordare qualche altra vicenda simile per fare un pronostico su come finirà. Come all’epoca in cui Forza Nuova annunciò la volontà di violare il silenzio elettorale il 25 maggio: Il leader di Forza Nuova è stato portato in Questura mentre con i militanti del partito di estrema destra si muoveva verso l’ex palazzo del crac in via dei Lucani, a San Lorenzo, dove era prevista una manifestazione non autorizzata in ricordo di Desirée Mariottini. Fiore è stato fermato dalla Digos e portato in Questura per controlli quando era a un paio di minuti a piedi da Largo Talamo, visto che si trovava in via dei Lucani. Andrà così anche stavolta?

Leggi anche: Il confronto tra l’ospedale di Napoli e quello della Fiera di Milano