Economia

Come Di Maio sta prendendo in giro tutti sull’Ilva

di maio ilva parere avvocatura annullamento - 4

Il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha parlato oggi del parere dell’Avvocatura di Stato sulla gara per la vendita dell’ILVA. Quel parere però nessuno l’ha letto. Perché secondo il MISE è stata la stessa Avvocatura a chiedere che non venisse divulgato. Un fatto di per sé curioso, perché qualche in occasione di un parere sull’ILVA dato all’allora ministro Calenda l’Avvocatura non si era opposta alla pubblicazione della sua relazione. Prendiamo atto che con il governo del Cambiamento e il partito della trasparenza certe cose non si possono più fare.

La gara illegittima che però il ministro non può annullare

Rispetto al parere dell’Avvocatura sappiamo quindi solo quello che Di Maio ha rivelato durante la conferenza stampa di questa mattina. Il ministro ha detto che «su Ilva è stato commesso un delitto perfetto. Dal parere dell’avvocatura capirete che c’è pochissimo di regolare in questa gara». Di Maio ha detto che c’è pochissimo di regolare in questa gara, a partire dal fatto che i termini per la bonifica ambientale siano stati spostati dal 2016 al 2023. Secondo il governo in questo modo alcuni possibili acquirenti sono stati scoraggiati dal partecipare alla gara. Di Maio non dice però che di fatto per l’Ilva non ci sono acquirenti oltre ad Arcelor-Mittal. Il ministro infatti non ricorda che Acciaitalia, l’altra azienda che ha partecipato alla gara, era di fatto una creazione di Cassa Depositi e Prestiti.

di maio ilva parere avvocatura - 1

Ma non è questo il punto. Di Maio ha detto «secondo noi c’è stato eccesso di potere e l’atto è illegittimo» aggiungendo che «per l’annullamento deve esserci illegittimità dell’atto». Ora non sappiamo se questo è quello che è scritto nel parere – secretato – dell’Avvocatura. Ma delle due l’una: o l’atto è illegittimo, e allora ci sono i presupposti per l’annullamento oppure non lo è. Tertium non datur, direbbero i latini.

Perché Di Maio non riapre la gara?

Secondo l’Avvocatura, dice Di Maio, non accettando i rilanci – come chiesto da Acciaitalia – c’è stato un eccesso di potere che rende illegittimo l’atto. Secondo Di Maio il parere dell’Avvocatura «dimostra che c’erano tutti i presupposti per i rilanci». C’è però da dire che la stessa Avvocatura qualche tempo fa si era espressa in maniera opposta. Fortunatamente abbiamo la possibilità di leggere il precedente parere sull’Ilva. Parere nel quale si legge sia che l’apertura di una nuova fase di selezione delle offerte avrebbe comportato la caducazione delle offerte in essere

di maio ilva parere avvocatura - 2
Il parere dell’Avvocatura al ministro Calenda

Sia che «si rileva inoltre come l’apertura di una nuova fase selettiva ben difficilmente potrebbe essere svolta sotto forma di rilanci […] atteso che la valutazione delle proposte, nella procedura in oggetto non afferisce al solo prezzo di offerta riguardando altresì profili complessi ed assai problematici quali il piano ambientale il regime occupazionale o la capacità finanziaria».

di maio ilva parere avvocatura - 3

Da quello che ha detto Di Maio in conferenza stampa invece sembra che l’attuale ministro ritenga che la procedura dei rilanci sia invece non solo consigliata dall’Avvocatura ma assai importante perché consentirebbe di strappare un prezzo migliore. Ma come detto la componente economica non è l’unica parte sulla quale va valutata l’offerta di acquisto dell’Ilva. Ora il ministro Di Maio dovrebbe spiegare come è possibile che l’Avvocatura a maggio 2017 abbia detto una cosa e poco dopo più di un anno, senza che nulla sia intervenuto a modificare il quadro generale se non il cambio di governo, ne dia uno diametralmente opposto. Oggi secondo Di Maio l’aggiudicazione della gara si è svolta in maniera illegittima, ma non abbastanza illegittima da poter procedere all’annullamento. Cosa può fare allora il MISE? Visto che Acciaitalia era una creazione di CDP il governo può dire ad Acciaitalia di fare un’offerta economica più vantaggiosa rispetto a quella di Arcelor-Mittal per poi eventualmente procedere all’annullamento della gara. Il fatto è che Di Maio non ha alcuna intenzione di prendere una decisione sull’Ilva e sta solo prendendo tempo per evitare di andare allo scontro con i movimenti ambientalisti di Taranto che chiedono la chiusura dell’Ilva senza se e senza ma. Il problema è che questo tempo ha un costo visto che al momento l’amministrazione straordinaria della società è pagata con i soldi pubblici. Il 15 settembre inoltre scadrà la proroga dell’amministrazione straordinaria di Ilva e in mancanza di una presa di posizione del Ministero Arcelor-Mittal potrà prendere possesso dell’azienda.

Leggi sull’argomento: Sorpresa: la “vittoria politica” dell’Italia sui migranti di Pozzallo non è servita a nulla