Attualità

Bollettino Coronavirus Italia: i dati della Protezione Civile per oggi 23 ottobre

Dopo i 16.079 casi e 136 decessi di ieri l’aggiornamento sulla situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 19.143 casi e 91 decessi

bollettino coronavirus protezione civile italia oggi 23 ottobre 1

Dopo i 16.079 casi e 136 decessi di ieri l’aggiornamento sulla situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 19.143 casi e 91 decessi. Sono stati effettuati 82.032 tamponi. Il tasso di positività è del 10,5%, più 1,1% rispetto a ieri. Salgono di 57 i pazienti in terapia intensiva che così superano quota mille, sono 1.049 in totale. I ricoverati sono 10549, in aumento di 855. Il numero dei pazienti in terapia intensiva oggi è superiore a quello dell’11 marzo scorso.

Bollettino Coronavirus Italia: i dati della Protezione Civile per oggi 23 ottobre

I casi suddivisi nelle regioni: nel Lazio oggi 1.389 casi e 11 decessi; continua l’avanzata del Coronavirus in Veneto: oggi il bollettino della Regione registra 1550 nuovi contagi e 7 decessi. In totale i positivi nella regione sono 14034. Non è stato reso noto il numero dei tampono effettuati. I pazienti in terapia intensiva nelle ultime 24 ore sono saliti di 5 per un totale di 64. I ricoverati COVID negli altri reparti sono 515, in aumento di 15 rispetto a ieri. Le persone guarite nelle ultime 24 ore sono 117. Schizzano in altro i positivi al covid nelle Marche: nelle ultime 24 ore ne sono stati rilevati 453 (132 più di ieri, quando erano 321) su 2.224 tamponi testati nel percorso nuove diagnosi. Il picco della prima ondata pandemica era stato 268 il 22 marzo su 651 tamponi analizzati. Complessivamente sono 10.645 i positivi rilevati da inizio emergenza nelle Marche. Dei 453 registrati, 127 sono in provincia di Macerata, 111 in provincia di Ascoli Piceno, 92 in provincia di Ancona, 70 in provincia di Fermo, 42 in provincia di Pesaro Urbino, 11 fuori regione. Si tratta di soggetti sintomatici (73 casi), contatti in setting domestico (97), contatti stretti di casi positivi (116), 18 casi registrati nel setting lavorativo, contatti in ambiente di vita/divertimento (21), 1 rientro dalla Toscana, 3 casi rilevati nel setting assistenziale, contatti in setting scolastico/formativo (16) e 5 casi riscontrati nello screening in ambito sanitario. Di 103 casi si stanno effettuando le indagini epidemiologiche. In Alto Adige sono stati registrati 269 nuovi casi positivi. Sono 96 i pazienti nei normali reparti ospedalieri, ai quali si aggiungono 10 in strutture private. Resta invariato il numero dei ricoveri in terapia intensiva (8). Vola il numero di persone in isolamento domiciliare che, per la prima volta, supera soglia 6 mila con 6.055 persone. Continua a salire la curva dei contagi da coronavirus in Basilicata. Nella giornata di ieri, sono stati processati 1434 tamponi; 112 sono risultati positivi, di cui 89 lucani. Ieri sono guarite in regione altre 10 persone, mentre salgono a 58 i ricoverati, di cui 4 in terapia intensiva. Nuovo record di casi giornalieri di Covid in Umbria, 447 contro i 407 di ieri (più 9,8%). Con i morti che toccano quota 100, tre nell’ultimo giorno. Passano da 193 a 204 i ricoveri ordinari, mentre scendono da 22 a 21 i pazienti in terapia intensiva. Certificati altri 84 guariti, 2.572 totali, con gli attualmente positivi in crescita dell’11% e ora 3.635. Nell’ultimo giorno sono stati eseguiti 3.595 tamponi, 269.993 dall’inizio della pandemia. In Molise 57 casi e zero decessi. In Campania, annuncia in diretta Facebook il presidente De Luca, oggi si registrano 2280 casi su 15.800 tamponi, il 14,5% di contagi sui tamponi rispetto al 12,8% di ieri. In Toscana sono oggi 1.290 i nuovi positivi. Sono 7.442 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 17,3% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 14.374, +8,4% rispetto a ieri. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 656 (50 in più rispetto a ieri, più 8,3%), 82 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri). Oggi si registrano 8 nuovi decessi: 3 uomini e 5 donne con un’età media di 85,6 anni (3 a Firenze, 2 a Massa Carrara, 1 a Pisa, 2 a Livorno). Anche i dati della Lombardia sono anticipati dal presidente della Regione Attilio Fontana: “Oggi 5 mila positivi e 350 ricoveri tra terapia intensiva e non. Sono 170 complessivamente le terapie intensive”. In Friuli Venezia Giulia oggi sono stati rilevati 340 nuovi contagi (5.301 tamponi eseguiti) e un decesso. I casi attuali di infezione sono 2.501. Salgono a 19 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 88 i ricoverati in altri reparti. Sono 590 i nuovi casi di positivi  rilevati nelle ultime 24 ore in Puglia: è il numero piu’ alto mai registrato. Si segnala anche un morto causato dall’infezione in provincia di Taranto. Sono stati 5253 i test processati. I nuovi contagi sono così distribuiti: 234 in provincia di Bari, 30 in quella di Brindisi, 58 nella Bat, 176 in provincia di Foggia, 19 in provincia di Lecce e 65 nella zona di Taranto, un caso riguarda un residente fuori regione mentre di sette non e’ nota la provincia di residenza. In Abruzzo rispetto a ieri si registrano 234 nuovi casi. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 2 nuovi casi e sale a 503 (si tratta di una 85enne e un 79enne della provincia di Teramo). 228 pazienti (+20 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 16 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 3285 (+133 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 1761 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+98 rispetto a ieri), 1516 in provincia di Chieti (+47), 2356 in provincia di Pescara (+35), 1588 in provincia di Teramo (+62), 53 fuori regione (invariato) e 51 (-8) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. In Sardegna sono 349 i nuovi casi di contagio, il dato più alto raggiunto finora. Non si registrano nuovi decessi, che si fermano a 181. Sono 275 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale (+11 rispetto al dato di ieri), mentre resta invariato il numero dei pazienti in terapia intensiva, 36. Le persone in isolamento domiciliare sono quasi 4mila (3.975), 92 le persone guarite in più. Dei 7.235 casi positivi complessivamente accertati, 1.309 (+86) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 1.116 (+100) nel Sud Sardegna, 605 (+38) a Oristano, 1.041 (+45) a Nuoro, 3.164 (+80) a Sassari.  Sono 888 i nuovi casi in Emilia-Romagna, scoperti nelle ultime ore 24 ore sulla base di quasi 16mila tamponi. Si contano dieci nuove vittime mentre rimane stabile da due giorni (86) il numero dei ricoverati in terapia intensiva. La provincia con più contagi è quella di Bologna (164), a seguire Reggio Emilia (130) e Piacenza (118) I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 12.514 e sono in aumento i ricoverati negli altri reparti Covid: 657, 21 in più rispetto a ieri. Sei morti sono avvenuti a Modena (tre uomini rispettivamente di 98, 87 e 76 anni e tre donne, di cui due di 81 anni e una di 85 anni), due a Ferrara (entrambe donne di 96 e 87 anni), uno a Piacenza (una donna di 100 anni) e uno a Bologna (un uomo di 90 anni)

 

 

Leggi anche: Semi-lockdown: vietati gli spostamenti non essenziali tra dieci giorni?