Attualità

Bollettino Coronavirus oggi in Italia: i dati della Protezione Civile per il 30 novembre

Qual è la situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile dopo i  20.648 contagiati e 541 morti di ieri: 16.377 contagiati e 672 decessi

bollettino coronavirus oggi protezione civile 30 novembre

Qual è la situazione dei contagi di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile dopo i  20.648 contagiati e 541 morti di ieri: 16.377 contagiati e 672 decessi. Sono stati effettuati 130.524 tamponi. Scendono di 9 i pazienti in terapia intensiva per un totale di 3744 mentre salgono di 308 i ricoveri che oggi sono 33187. Il tasso di positività è del 12,5%, più 0,9% rispetto a ieri

Bollettino Coronavirus oggi in Italia: i dati della Protezione Civile per il 30 novembre

I contagi suddivisi regione per regione: in Lombardia 1.929 positivi e 208 decessi; nel Lazio 1.589 casi e 39 decessi; in Molise 87 nuovi positivi e un decesso. I pazienti in terapia intensiva aumentano di uno rispetto a ieri così come i ricoveri. Nelle Marche 252 casi: i tamponi eseguiti nelle ultime 24ore sono stati 1.913 (955 nuove diagnosi e 958 nel percorso guariti). Il rapporto positivi/tamponi è stato dunque del 26,3% circa considerando solo le nuove diagnosi e del 13,17% sul totale dei test. Il numero più rilevante di casi si è registrato in provincia di Pesaro Urbino (131); seguono le province di Ancona (80), Macerata (17) Fermo (8), Ascoli Piceno (7); nove casi riguardano persone provenienti da fuori regione. In Alto Adige  183 nuovi casi positivi sono stati registrati nelle ultime 24 ore e un nuovo decesso. Sostanzialmente stabile il numero dei ricoveri: sono 278 i pazienti nei normali reparti ospedalieri, 150 quelli nelle cliniche private e 37 in terapia intensiva. In Veneto si registrano 2.003 contagi nelle ultime 24 ore, per un dato complessivo che raggiunge i 145.592 infetti da inizio dell’epidemia. Sale anche il numero dei decessi: sono 34 le vittime in più risetto a ieri, per un totale di 3.711 morti (tra ospedali e case di riposo). I soggetti attualmente positivi sono 80.665 (+954). Sale ancora la pressione sugli ospedali: i pazienti Covid in area medica sono oggi 2.608 (+26), quelli in terapia intensiva 339 (+8).  In Umbria nell’ultimo giorno 68 nuovi positivi. Ancora in calo gli attualmente positivi, 8.235, 208 meno di ieri. Nelle ultime 24 ore sono state registrate altre 13 vittime per il Covid, 407. In aumento i ricoverati in ospedale, 432, 11 più di ieri, 65 dei quali (dato stabile) in terapia intensiva.

bollettino coronavirus italia 30 novembre

In Toscana 893 positivi in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 42.026, -3,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.862 (6 in meno rispetto a ieri), di cui 278 in terapia intensiva (stabili). Si registrano 40 nuovi decessi: 28 uomini e 12 donne con un’età media di 82,7 anni. Sono 556 i nuovi contagi in Abruzzo, risultati dai 4.184 tamponi effettuati, e 7 i decessi registrati oggi che portano il totale, da inizio emergenza, a 893. I 556 contagi delle ultime 24 ore, riferiti a persone di eta’ tra i 4 mesi e i 95 anni, fanno salire il totale a 28.024 (un’unita’ in meno rispetto al totale calcolato fino ad oggi, perche’ gia’ comunicato nei giorni scorsi) e contano 76 giovanissimi, cioe’ ragazzi con eta’ inferiore ai 19 anni (18 in provincia dell’Aquila, 1 in provincia di Pescara, 17 in provincia di Chieti e 40 in provincia di Teramo). Sono alcuni dei dati diffusi dal bollettino dell’assessorato alla Sanita’ della Regione Abruzzo. E proprio la provincia di Teramo e’ la piu’ colpita. Questa infatti la distribuzione territoriale dei casi di Coronavirus registrati fino ad oggi: del totale dei casi positivi, 8.967 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+115 rispetto a ieri), 5.363 in provincia di Chieti (+141), 5.674 in provincia di Pescara (+33), 7.542 in provincia di Teramo (+232), 246 fuori regione (+6) e 232 (+28) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Per quanto riguarda i 7 decessi registrati nelle ultime 24 ore, questi fanno riferimento a persone di eta’ compresa tra i 71 e gli 89 anni: 2 in provincia dell’Aquila, 4 in provincia di Teramo e 1 in provincia di Chieti). Sul fronte dei ricoveri in terapia intensiva c’e’ un paziente in piu’ per un totale di 76; in ospedale sono ricoverate 714 persone, 55 in piu’ rispetto a ieri con questo numero che comprende anche i 29 ricoveri di ieri e non inseriti nel precedente bollettino.  Sono 282 i tamponi positivi sui 2.119 analizzati in Basilicata fra sabato scorso e ieri: lo ha reso noto la task force regionale, spiegando che solo 261 dei tamponi positivi riguardano persone residenti in regione. Negli ultimi due giorni si sono registrati undici morti e altre 134 persone sono guarite dal coronavirus, portando il totale generale a 1.730 (quello dei morti è arrivato a 150). I lucani attualmente positivi sono 6.006 e quelli in isolamento domiciliare sono 5.832. In ospedale sono ricoverate 174 persone, 22 delle quali in terapia intensiva (12 a Potenza e dieci a Matera). Sono 2.041 i nuovi casi di positività al Coronavirus, scoperti in Emilia-Romagna con 10.992 tamponi, un numero, come di solito avviene nel fine settimana, inferiore alla media. Si registrano 39 vittime (fra loro anche una donna di 42 anni in provincia di Piacenza) e tornano a crescere i ricoveri. Più della metà dei nuovi positivi (1.189) sono asintomatici, individuati, grazie alle attività di contact tracing e screening. Crescono i casi attivi, che raggiungono quota 71.734: il 95,8% di questi è in isolamento domiciliare, perché non necessita di cure particolari. Tuttavia tornano a crescere i ricoveri, che sono 249 (+4 rispetto a ieri) in terapia intensiva, 2.755 quelli negli altri reparti Covid (+87). I morti sono sette. Sono 1101 i nuovi casi di positivi al coronavirus su 4.151 registrati nelle ultime 24 ore in Puglia, una percentuale molto alta visto che oltre un tampone su 4 , ovvero il 26,5% è risultato positivo. Molto alto anche il numero delle vittime, che è di 30 persone. IL maggior numero di nuovi positivi si è registrato in provincia di Bari con 515 casi, 198 in provincia di Foggia, 162 in provincia di Taranto, 87 nella provincia BAT, 69 in provincia di Brindisi, 65 in provincia di Lecce, 5 residenti fuori regione. La provincia di Bari è la più colpita anche per il numero di vittime: sono state 14. In Valle d’Aosta 4 nuovi decessi che portano il totale complessivo a 315 e 1317 casi attualmente positivi al Covid, – 133 rispetto a ieri, di cui 124 ricoverati in ospedale, 11 in intensiva, e 1182 in isolamento domiciliare.  Sono 21.475 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 329 nuovi casi, 157 rilevati attraverso attività di screening e 172 da sospetto diagnostico. Si registrano 8 decessi (444 in tutto). Le vittime: tre residenti nella Città Metropolitana di Cagliari, due nella provincia del Sud Sardegna e tre rispettivamente nelle province di Sassari, Oristano e Nuoro. In totale sono stati eseguiti 372.806 tamponi con un incremento di 2.530 test. Sono invece 580 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (+26 rispetto al dato di ieri), mentre è di 70 (+1) il numero dei pazienti in terapia intensiva. In Campania nelle ultime 24 ore  sono 1.626 i positivi – 1.431 asintomatici – su 14.286 tamponi esaminati. Il che significa che la percentuale tra positivi e tamponi è delll’11,3%; ieri era del 10,60%. 42 le persone decedute -18 deceduti nelle ultime 48 ore e 24 deceduti in precedenza ma registrati ieri – mentre sono 1.843 le persone guarite. Questo, invece, il report posti letto su base regionale: Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656; Posti letto di terapia intensiva occupati: 182; Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata); Posti letto di degenza occupati: 2.141.

 

 

Leggi anche: Seconda casa fuori regione? Spostamenti possibili prima del 20 dicembre