Opinioni

100mila euro di multa per Andrea Agnelli

La Corte federale d’appello della FIGC ha parzialmente accolto il ricorso del presidente della Juventus Andrea Agnelli per il caso dei biglietti agli ultras, decidendo di esaurire in data odierna l’inibizione a carico del numero uno bianconero e di infliggergli una multa di 100.000 euro. La Corte ridetermina inoltre la sanzione dell’ammenda di 600 mila euro alla società e dispone la disputa della prima gara interna di Campionato di Serie A dell’anno 2018 con il settore denominato Tribuna (Curva) Sud dell’Allianz Stadium di Torino privo di spettatori.
andrea agnelli juve 'ndrangheta
Con questa sanzione si chiude in via definitiva per la giustizia sportiva la vicenda della Juve e della ‘ndrangheta, che ha portato anche le intercettazioni della vicenda sui giornali e la Juventus in Commissione Antimafia. Il procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, ha fatto sapere che la sentenza crea “un brutto precedente: Si è voluta monetizzare la sanzione”, ha detto dopo la lettura. Annullate le sanzioni inflitte in primo grado al responsabile del ticket office Stefano Merulla e dell’addetto alla sicurezza Alessandro Nicola D’Angelo. Respinto infine il ricorso di Francesco Calvo. All’ex direttore commerciale bianconero è stata confermata la squalifica a un anno e l’ammenda a 20.000 euro.

Leggi sull’argomento: Andrea Agnelli e la storia della Juve e della ‘ndrangheta