Opinioni

I familiari di Riina non sono riusciti a vederlo prima della morte

I familiari del boss Totò Riina non sono riusciti a incontrarlo prima che morisse nonostante il permesso straordinario ricevuto dal ministro della Giustizia che, ieri, viste le condizioni del detenuto, aveva autorizzato la visita. Secondo indiscrezioni, la figlia minore del boss sarebbe ancora a Corleone. Riina aveva quattro figli: uno è detenuto e sta scontando l’ergastolo per quattro omicidi e il minore, dopo una condanna a otto anni per mafia, è sorvegliato speciale. La più piccola delle due figlie femmine vive a Corleone, mentre la maggiore si è trasferita da anni in Puglia.
maria concetta riina
Sulla sua pagina Facebook intanto la figlia di Totò Riina, Maria Concetta, sembra lanciare un messaggio che poi è un’indicazione, data subito dopo la morte del padrino. La foto del profilo è una rosa nera, sovrastata dal volto di una donna che emerge da un sfondo scuro e un dito che ‘taglia’ la bocca con su scritto ‘shhh’, silenzio. Lo stesso avvocato Luca Cianferoni, storico legale del boss, all’agenzia di stampa Agi ribadisce la linea: “Ho ricevuto mandato dalla famiglia di tenere il massimo riserbo e silenzio sulla vicenda”. Vietato parlare. Un gesto che sembra anche rimandare all’atteggiamento tenuto da sempre da Totò Riina: mai nessun cedimento, mai nessuna volontà di collaborare e di rompere la regola principe di Cosa nostra: silenzio, insomma. La chiesa ha intanto escluso i funerali pubblici per il boss.

Leggi sull’argomento: Totò Riina: chi sarà il nuovo capo dei capi?