Opinioni

Torre Annunziata: il cane Peky estratto vivo dalle macerie della palazzina

Si chiama Peky il cane estratto vivo dalle macerie della palazzina crollata all’alba a Torre Annunziata, nel Napoletano. Il suo padrone, un anziano inquilino dell’edificio di via Rampa Nunziante, si è salvato perché uscito di casa intorno alle 5 di stamane.
torre annunziata cane peky
Sono impegnate intanto a Torre Annunziata le Unità cinofile della Protezione civile della Regione Campania per la ricerca dei dispersi nel crollo della palazzina avvenuto all’alba di stamane. “Si lavora incessantemente”, fa sapere la Protezione Civile. Intanto, il collegamento ferroviario è ancora interrotto a causa dei massi caduti sui binari. La Protezione civile della Regione Campania sta operando a supporto dei vigili del fuoco e del Comune. I vigili del fuoco, una ventina, stanno lavorando con le mani. Di tanto in tanto un grido che si estende alla piccola folla di parenti e conoscenti dei dispersi lascia sperare che sia stata individuata una persona. Un gruppo di parenti dei dispersi nel crollo dell’edificio in via Rampa Nunziante sta seguendo con apprensione le fasi delle operazioni dei vigili del fuoco che, in questi minuti, invitano al silenzio per consentire loro di ascoltare voci tra le macerie. Alcuni sono in lacrime e sperano in notizie positive.

Leggi sull’argomento: La palazzina di quattro piani crollata a Torre Annunziata