Politica

Di Maio ha già cambiato idea sulla TAV?

di maio tav

Qualcosa si muove sul fronte TAVMoVimento 5 Stelle. E la notizia è che Luigi Di Maio ha di nuovo cambiato idea. Oggi a margine di un incontro con Confartigianato il vicepremier e bisministro ha infatti detto: all’interno del governo “è noto che sulla Tav abbiamo opinioni diverse. Non ne parlo più finché non abbiamo deciso”.

Di Maio ha già cambiato idea sulla TAV?

Ora, Di Maio fino a qualche giorno fa aveva invece deciso. Ovvero aveva detto, accompagnato da Alessandro Di Battista a Chieti durante la campagna elettorale per le elezioni in Abruzzo, che con il M5S al governo “la Tav non si fa”. «Guardi, più che lo scontro è aperto direi che il discorso è chiuso. Possiamo semplicemente dire che finché al governo ci sarà il MoVimento 5 Stelle quel cantiere non inizierà a fare il buco, perché non è stato scavato neanche un buco». Il Dibba, nel frattempo desaparecido, già che c’era puntualizzava ulteriormente: «Se la Lega intende andare avanti su un buco inutile che costa venti miliardi di euro tornasse da Berlusconi e non rompesse più i coglioni. Chiaro?».

Limpido, verrebbe da rispondere. Se non fosse che oggi Di Maio dichiara che sulla TAV non hanno ancora deciso, e quindi significa che tutte le opzioni sono aperte. Ovvero che anche quella di fare il tunnel lo è. Come mai Di Maio ha cambiato idea? Si dice che decisivo sia stato il vertice di governo di due sere fa con il ministro Tria, che qualche giorno fa stava per essere cacciato proprio per le sue dichiarazioni sulla TAV: «Giorni fa ho cenato in una casa milanese con imprenditori di Confindustria, Confapi, Confcommercio. Erano tutti delusi. Per loro il governo è immobile. Non è solo questione di Tav, è passata l’idea che il Paese è bloccato. Possibile che non lo capite?».

Leggi anche: Quando Di Maio diceva che il cambio della regola dei due mandati era una bufala