Politica

M5S, i sondaggi in Sardegna sono un flop

neXt quotidiano|

di maio reddito di cittadinanza domande di lavoro - 2

Dopo la tremenda scoppola arrivata alle elezioni suppletive di Cagliari, anche in Sardegna si allontana la possibilità che il M5S conquisti il primo ente regionale. Libero oggi racconta i risultati di un sondaggio che, incredibilmente, danno il M5S non solo sotto il centrodestra ma anche sotto il centrosinistra:

Se si votasse oggi, e se le intenzioni di voto raccolte dall’ultimo il sondaggio (quello realizzato da Swg per La Nuova Sardegna), si trasformassero in consensi allora lo schieramento grillino nell’isola crollerebbe dal 42,5% dei voti delle politiche 2018 (primo partito assoluto) al 23,5%. Una bella botta, non c’è che dire. A primeggiare nell’isola, con un teorico 38,8% dei voti, sarebbe lo schieramento di centrodestra (Lega, Forza Italia, Riformatori Sardi, Udc, Partito sardo d’azione, Fratelli d’Italia e altri di centrodestra).

Con una crescita complessiva di oltre 7 punti e un evidente travaso di consensi dagli azzurri al partito di Salvini. Non a caso giusto ieri il vicepresidente del Consiglio, e segretario leghista, Matteo Salvini, ha già messo il cappello se non proprio sulla vittoria su un aumento evidente dei consensi.

francesco desogus

Se è vero che i sondaggisti a volte prendono cantonate epiche, in questo caso però la forchetta delle intenzioni di voto è notevole. Stando a Swg è una corsa a due tra il candidato del centrodestra, Christian Solinas, e quello del centrosinistra, Massimo Zedda. In base alle interviste,il segretario del Psd’Az (sostenuto anche dalla Lega), è in testa nelle intenzioni di voto, in una forbice che va dal 33 al 37%, seguito dal sindaco di Cagliari, Zedda (29-33%). Sul gradino più basso il candidato del M5S, Francesco Desogus, tra il 22 e il 26%.

Leggi sull’argomento: Il Giornale e i grillini in “missione” sulla neve in Abruzzo