Opinioni

Salvini si lamenta perché il suo processo ricomincia il 4 luglio (per gli altri italiani invece ricominciano a maggio…)

Matteo Salvini è scandalizzato: ieri sera ha infatti scoperto che il tribunale dei ministri di Catania lo ha convocato il 4 luglio per il processo sul caso Gregoretti, ovvero di quella volta che ha bloccato uno sbarco da una nave della Guardia Costiera italiana in base all’assunto che quei 131 migranti costituivano un rischio per la sicurezza dell’Italia. Naturalmente questo Salvini si è scordato di dirlo nel tweet con cui ieri faceva la vittima, ma questi sono dettagli.

Così come è un dettaglio che l’emergenza Coronavirus abbia fatto slittare anche il processo per vilipendio – dapprima al 20 aprile, poi con un altro rinvio – ma nell’occasione non abbiamo notato lamentele da parte del Capitano. Il punto vero è invece un altro. Ovvero che per tutti gli italiani invece i processi ufficialmente ricominciano non il 4 luglio, ma l’11 maggio.

matteo salvini processo

Questo, ovviamente, se davvero l’emergenza Coronavirus sarà nel frattempo rientrata al punto da permetterlo. Altrimenti quei processi slitteranno ancora, così come slitterà quello di Salvini. Quello di cui il Capitano si sta lamentando è che sia stata fissata una data per quel processo a cui non vedeva l’ora di presenziare fino all’altroieri. Ma fissare una data è compito e dovere del tribunale. Fare il piagnisteo su Twitter invece è roba da politici piccoli piccoli.

Leggi anche: Miracolo: Giorgia Meloni ammette di aver detto una cosa sbagliata sul MES