Tecnologia

L’emorragia di fan dalla pagina di Matteo Salvini

matteo salvini pagina fan perde diecimila fans

Un’emorragia da quasi diecimila fan. Il curioso fenomeno della perdita di iscritti che sta soffrendo Matteo Salvini, che avevamo fatto notare quando interessava un migliaio di persone in qualche ora, si è notevolmente ampliato e nelle successive 36 ore ha portato la pagina del Capitano a perdere in totale quasi diecimila fan, passando dai 3 milioni e 748mila ai 3 milioni e 739mila da venerdì pomeriggio a domenica mattina.

L’emorragia di fan dalla pagina di Matteo Salvini

Numeri troppo ampi per far pensare alla mannaia della moderazione causata dagli assalti dei grillini che dopo l’annuncio della sfiducia a Conte si erano precipitati dal Capitano per dirgli che non è bello interrompere un’emozione come il governo Lega-M5S. E allora bisogna soltanto rassegnarsi all’idea che molti grillini che erano diventati anche fan di Salvini all’epoca del governo tra Lega e M5S stanno decidendo di togliere il mipiace. E a questo punto è lecito anche cominciare a pensare che molti, i quali magari hanno preferito la Lega al M5S ad esempio alle elezioni europee per dare un segnale a Di Maio, ora potrebbero cambiare idea anche nel segreto dell’urna.

matteo salvini pagina fan perde diecimila fans

Il Casaleggio di Salvini, ovvero Luca Morisi con la sua crew di espertoni a carico del ministero dell’Interno o della vicepresidenza del Consiglio (ci costa la bellezza di mille euro al giorno di soldi pubblicissimi), non sembra apparentemente preoccupato e sfotte chi esagera i numeri dell’emorragia per metterlo sotto pressione.

matteo salvini pagina fan perde diecimila fans 1

Ma il dato nudo e crudo esiste e a questo punto potrebbe avere tante spiegazioni. Una l’ha già messa in campo proprio Morisi con lo slogan «Gratta il deluso, trovi il piddino!». E con il biglietto della lotteria per smascherare il falso deluso: «I nostri polli, anzi grilli, li conosciamo». La Lega, spiega oggi Erica Dellapasqua sul Corriere della Sera, “vorrebbe svelare, così, che in realtà dietro ai presunti elettori delusi da Salvini ci sarebbero invece gli avversari grillini. Un bluff, insomma, anche per spiegare l’ultima dinamica social che — per quanto lo staff cerchi di minimizzare—impensierisce gli esperti della comunicazione del vicepremier leghista, sempre attentissimi al riscontro in Rete del loro leader”.

lega invasione grillini

I diecimila fan in meno sulla pagina di Salvini

Ma un fenomeno che assume proporzioni così vaste difficilmente potrebbe essere spiegato così. A meno di non postulare che sia possibile taroccare i numeri anche in positivo, e quindi che tutto questo hype sulle pagine web e sul loro successo sia solo un grande bluff. Giuliano Foschini su Repubblica vede il tutto nell’ottica della sfida finale tra la Bestia e Rousseau:

«Nelle ultime 48 ore – spiega a Repubblica una fonte che da più di un anno si occupa di monitorare i social in relazione alla politica – le pagine non ufficiali vicine al Movimento 5 Stelle hanno avuto un’impennata. Stanno lavorando molto». Significa che i supporter grillini si sono rimessi in moto: sono state create nuove pagine e quelle vecchie, che erano state messe in naftalina, hanno avuto improvvise impennate.

La galleria: il crollo dei fan sulla pagina di Salvini

Nelle ultime 24 ore ha prodotto una ventina di post tutti anti Salvini. Con numeri sballati. «Troppe condivisioni, come se ci fosse qualcuno che abbia azionato profili falsi per moltiplicare il messaggio» continua la fonte. Normalmente, infatti, i post hanno un maggior numero di like che di condivisioni. Bene, il «Salvini ha gettato la maschera» aveva condivisioni dieci volte superiore ai “mi piace”. Così come l’hashtag #salvinitraditoredelpopolo è immediatamente diventato tra i più utilizzati in Italia.

In questo caso però «potrebbe non essere un caso, però», spiega ancora a Repubblica Vincenzo Cosenza, uno dei massimi esperti italiani di social. «Sembra come se qualcuno avesse spostato pacchetti di follower, vista anche la proporzione tra i due movimenti».

Leggi anche: La contestazione a Matteo Salvini a Soverato