Politica

La risposta geniale di Lilli Gruber che ricorda a Salvini che in Europa non l’hanno mai visto – VIDEO

“Prima o poi lei dovrà andare in Europa a contrattare”. Salvini borbotta: “io ho fatto il ministro, il vicepremier…”. E la Gruber ribatte: “Sì, hanno detto che non l’hanno mai vista spesso come ministro dell’Interno, praticamente mai”

salvini no mario draghi flat tax

Cosa pensa Salvini dell’Europa è un mistero. L’ex ministro dell’Interno a Otto e Mezzo ieri ha provato a svicolare su un tema di stretta attualità: come si ricolloca la Lega in Europa se deciderà di appoggiare il governo Draghi? Perché non si può essere contemporaneamente a favore o contro. Il leader della Lega cerca di barcamenarsi raccontando cose già dette e già smentite, come ad esempio che i soldi dei Recovery Fund non vanno presi tutti. Secondo Salvini l’Italia dovrebbe accettare solo la parte a fondo perduto rinunciando agli altri due terzi. Evidentemente la chiarissima spiegazione che Cottarelli aveva dato a Dimartedì per confutare la sua tesi non è stata recepita dal Capitano: “Rimango stupito, quei prestiti sono erogati a tassi negativi, sui 10 anni prendi a prestito 100 e restituisci 98, sui prestiti soltanto si risparmiano 25 miliardi in 10 anni”, aveva dichiarato l’economista. Messo alle strette Salvini a Otto e Mezzo continua a dire: “A me interessa più quello che succede a Palermo e a Torino degli accordi e degli equilibri tra Parigi e Bruxelles”.

A quel punto Lilli Gruber fa notare l’ovvio: prima o poi Salvini, se vuole occupare una posizione di governo, dovrà confrontarsi con l’Europa: “Prima o poi lei dovrà andare in Europa a contrattare”. Il leader della Lega borbotta: “io ho fatto il ministro, il vicepremier…”. E la conduttrice ribatte: “Sì, hanno detto che non l’hanno mai vista spesso come ministro dell’Interno, praticamente mai”. A questo proposito ricordiamo un episodio su tutti. Vi ricordate quando Salvini invece di presentarsi in Lussembrurgo al vertice dei ministri degli interni dei 28 paesi dell’Unione Europea in cui si sarebbe parlato di immigrazione, sicurezza, rimpatri e antiterrorismo preferì partecipare al comizio per l’elezione di un sindaco e andare da Barbara D’Urso?