Opinioni

Roberto Burioni non si candida con il Partito Democratico

Roberto Burioni ha rifiutato la proposta di candidarsi con il Partito Democratico. Lo scrive in un post su Facebook che compare sulla pagina del medico: «Posto che faccio già politica, che sono felice e onorato di fare politica e che voglio continuare a fare politica, mi sono però chiesto quale possa essere per me in questo preciso momento il modo più efficace e produttivo di farla — scrive Burioni —. A questa domanda non è stato facile rispondere, ma alla fine ho ritenuto che la cosa migliore sia rimanere al di fuori del Parlamento, mettendo i miei studi scientifici e la mia capacità di comunicare a servizio di chi combatte per la verità contro le bugie pericolose».
roberto burioni pd
A quanto pare Burioni ha rinunciato a una candidatura blindata in Senato in Lombardia o nelle Marche, dove si era ipotizzato che potesse candidarsi nei giorni scorsi. Lui racconta di essere stato contattato da Matteo Renzi con la proposta fatta con le parole giuste: “vorrei rovinarle la vita proponendole di dare una mano al suo Paese in Parlamento”. Ma poi ha riflettuto e ha deciso di rimanere fuori dal Parlamento:

Posto che faccio già politica, che sono felice e onorato di fare politica e che voglio continuare a fare politica, mi sono però chiesto quale possa essere per me in questo preciso momento il modo più efficace e produttivo di farla.
A questa domanda non è stato facile rispondere, ma alla fine ho ritenuto che la cosa migliore sia rimanere al di fuori del Parlamento, mettendo i miei studi scientifici e la mia capacità di comunicare a servizio di chiunque combatte per la verità contro le bugie.
Spero di avere fatto la scelta giusta, e spero che anche tutti voi sappiate farla, privilegiando nel prossimo voto chi combatte perché il nostro Paese non diventi la culla dell’oscurantismo e della superstizione.

Leggi sull’argomento: Roberto Burioni vi spiega perché non vaccinare i bambini è una follia