Tecnologia

«Quanto è costato il riscatto di Silvia Romano?»: la miseria umana dei sovranisti che si bevono le fregnacce di Salvini

La liberazione di Silvia Romano, annunciata ieri dal governo dopo un rapimento che durava dal novembre 2018, ha risvegliato negli italiani quel sentimento di gioia e felicità che è tipico del popolo del Belpaese. Che, come un solo uomo, si è lanciato subito nella suo domanda preferita: “Quanto ci è costato il riscatto”?

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (1)

La liberazione di Silvia Romano, annunciata ieri dal governo dopo un rapimento che durava dal novembre 2018, ha risvegliato negli italiani quel sentimento di gioia e felicità che è tipico del popolo del Belpaese. Che, come un solo uomo, si è lanciato subito nella suo domanda preferita: “Quanto ci è costato il riscatto“?

“Quanto è costato il riscatto di Silvia Romano?”: la miseria umana dei sovranisti che si bevono le fregnacce di Salvini

Subito dopo l’annuncio infatti i social network si sono riempiti di persone indignate che chiedevano i fondi per i commercianti e la cassa integrazione, ricordando che “basta fare volontariato in Italia per evitare rapimenti, già siamo in un periodo di magra, i riscatti non si pagano con le patatine”.

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (2)Tra i più interessati al destino e alle sorti della ragazza c’è Marco, che si domanda “chissà quanti soldoni avete sborsato… sempre a calare le braghe davanti al terrorismo”, mentre Sergio chiede par condicio nei confronti degli italiani in difficoltà economica.

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (3)

La giornata è particolarmente dura per taluni, che si sentono evidentemente esclusi da quella fortunella di Silvia, che è stata salvata mentre loro “se la stanno vedendo brutta e sono in pericolo”.

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (4)

C’è poi Francesco che disegna interessanti traiettorie di analisi geopolitica dei fatti, segnalando che visto che non avevamo i soldi per pagare il riscatto l’hanno liberata.

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (5)

E infine Simone, che attende anche lui i soldi della cassa integrazione e il bonus partite IVA, perché evidentemente è insieme un lavoratore dipendente e un professionista.

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social (6)

Anche su Twitter la domanda è sempre la stessa: quanto ci è costata la sua liberazione?

Il riscatto pagato per liberare Silvia Romano

E allora tanto vale raccontare com’è andata la liberazione di Silvia Romano. Il Corriere della Sera oggi spiega che alcuni informatori locali e gli stessi rapitori che l’avevano catturata nel villaggio di Chakama, a 80 chilometri da Malindi dove lavorava per la Onlus «Africa Milele», avevano raccontato di averla ceduta alla fazione fondamentalista somala dopo un viaggio nella foresta durato settimane_

L’esame del filmato di gennaio conferma la matrice jihadista. Diplomazia e intelligence coordinati dal direttore dell’Aise Luciano Carta capiscono così che il canale aperto per arrivare al gruppo fondamentalista di Al Shabab èbuono. Dunque si procede, consapevoli che più passa il tempo più sale il prezzo del riscatto. I servizi segreti somali sono collaborativi, le «fonti» che hanno consentito di procedere sono diverse. Alcune sono state attivate dalla Turchia che ha un controll oforte su quell’area. […]

Gli emissari del gruppo indicano come sede della prigione la zona di Bay, nel villaggio di Buulo Fulaay. Dicono che per un periodo è stata chiusa in un grotta con altri ostaggi. Fissano il prezzo finale, dopo i soldi versati per pagare i vari contatti. Nonc’è una cifra precisa. […] Nei giorni scorsi un gruppo di 007 si trasferisce in Somalia e affianca chi ha seguito la vicenda sin dall’inizio.

Bisogna organizzare l ’appuntamento, avere la certezza che la consegna dell’ostaggio avvenga senza rischi, sapendo bene che quello dello scambio è il momento più delicato. Si sceglie una zona a 30 chilometri da Mogadiscio, di sera. Ci sono esplosioni di mortaio, c’è soprattutto un’alluvione. Comunque si procede. L’incontro viene fissato per venerdì sera. È già notte quando Silvia arriva accompagnata dagli emissari dei sequestratori.

È provata fisicamente e psicologicamente. Il viaggio verso la capitale presenta ancora alcuni ostacoli. Ma qualche ora dopo, in Somalia è ancora notte, arriva la notizia che Silvia è finalmente al sicuro in ambasciata.

giornale quanto è costato riscatto silvia romano

Il Giornale scrive in prima pagina che il costo totale del riscatto è stato di quattro milioni di euro. Repubblica ricorda che non c’è dubbio che quello di Silvia sia stato sin dal principio un sequestro a scopo di estorsione.

Una volta che i nostri 007 hanno avuto la prova che fosse in vita, sono partite le trattative per stabilire il prezzo del rilascio. Il governo italiano ha negato almeno per il momento che sia stata versata una cifra per la liberazione, anche se funzionari vicini al ministro degli Esteri somalo Ahmed Isse Awad sostengono che l’Italia abbia pagato ai rapitori una cifra vicina ai 4 milioni di euro.

silvia romano riscatto 4 milioni

Anche Repubblica conferma la questione del riscatto:

quanto ci è costata la liberazione di silvia romano insulti social 7
Il tweet di Salvini su Silvia Romano e la risposta tipica del sovranista

E sembra certo, seppur non arriva alcuna conferma ufficiale, che per la sua liberazione sia stato pagato almeno un riscatto, visto che la ragazza è passata per non meno di tre covi e nelle mani di molti sequestratori. In una zona, dove sequestri con queste modalità, sono già avvenuti: negli anni scorsi per riavere una loro connazionale, gli inglesi pagarono più di un milione di euro ai terroristi somali.

Insomma, sono 4 milioni, ovvero meno di 49. Eppure quelli non li cerca nessuno tra i sovranisti. Chissà perché.

Leggi anche: Luca Zaia e il Coronavirus che «se perde forza vuol dire che è artificiale»