Politica

Quando Meloni e Salvini festeggiavano con gli olandesi che oggi non vogliono gli eurobond

In una diretta su Facebook Toninelli se la prende con Thierry Baudet, leader del partito Forum per la Democrazia e “strenuo difensore del MEF”, e poi con Geert Wilders, leader del Partito della Libertà. Entrambi, spiega l’ex ministro, hanno votato una risoluzione al parlamento olandese che dice “sì al MES con condizionalità e no agli eurobond, e sono amici di Meloni e Salvini, che in Italia dicono che l’Europa è brutta e cattiva”. Ma…

L’ex ministro M5S delle Infrastrutture Danilo Toninelli su Facebook va all’attacco di Giorgia Meloni e Matteo Salvini ricordando l’attuale polemica tra Olanda e Italia sugli European Ricovery Bond e l’opposizione del governo olandese alle proposte di mutualizzazione del debito per l’emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19.

Quando Meloni e Salvini manifestavano con gli olandesi

In una diretta su Facebook Toninelli se la prende con Thierry Baudet, leader del partito Forum per la Democrazia e “strenuo difensore del MEF”, e poi con Geert Wilders, leader del Partito della Libertà. Entrambi, spiega l’ex ministro, hanno votato una risoluzione al parlamento olandese che dice “sì al MES con condizionalità e no agli eurobond, e sono amici di Meloni e Salvini, che in Italia dicono che l’Europa è brutta e cattiva”.

meloni salvini olandesi

Poi Toninelli segnala che sulla pagina facebook della Meloni è ancora presente il post in cui celebrava la presenza di Baudet ad Atreju: “Una generazione di patrioti uniti per un’Europa di stati liberi e sovrani!”, scriveva all’epoca la leader di Fratelli d’Italia.

salvini meloni olandesi

A onor del vero va però segnalato che né Wilders né Baudet né i loro rispettivi partiti sono attualmente al governo in Olanda, anche se hanno votato quella risoluzione di cui parla Toninelli: Mark Rutte, l’attuale premier, alle elezioni ha battuto proprio Wilders. Come ha raccontato il Corriere della Sera, a far saltare l’accordo è stato Wopke Hoekstra, 44 anni, ex manager di Shell e di McKinsey, attualmente ministro delle Finanze:

Hoekstra, democristiano con l’ambizione di prendere il posto del premier liberale Mark Rutte, prima dell’Eurogruppo si era fatto assegnare dal suo parlamento il più impossibile dei mandati negoziali: zero concessioni. E a quello è rimasto fedele. Dalle cinque alle otto del mattino — quasi da solo, vagamente appoggiato dai colleghi di Austria e Finlandia— l’olandese ha insistito su condizioni politicamente impossibili da accettare per l’Italia: Matteo Salvini e l’ala sovranista di M5S non aspettavano altro per attaccare Gualtieri e Palazzo Chigi.

L’idea di Hoekstra è che i prestiti del Mes debbano essere sottoposti a condizioni di vigilanza e di riforme, se i fondi vengono spesi per qualunque voce diversa dalla sanità. Ma questo è solo il pretesto tecnico. La sostanza è che il ministro delle Finanze dell’Aia cerca di spostare il negoziato al livello dei capi di Stato e di governo europei: lì sarebbe stato il suo alleato-rivale Rutte a dover accettare un compromesso impopolare in un Paese dove l’estrema destra conta ben due partiti in doppia cifra (quelli di Thierry Baudet e di Geert Wilders).

Ovvero, proprio i due abbracciati a Salvini e Meloni. Attualmente il Forum door Democratic, FvD, siede insieme a Fratelli d’Italia nel Parlamento europeo e PVV, Il Partito per la Libertà, Partij voor de Vrijheid, siede insieme alla Lega.

Leggi anche: Le balle della Lega sulla zona rossa ad Alzano Lombardo