Economia

Quando arrivano i contributi a fondo perduto

La prima data buona per il pagamento è il 25 giugno, ovvero dieci giorni dopo l’apertura alla presentazione delle domande

I contributi a fondo perduto previsti dal Governo per fronteggiare l’emergenza Covid arriveranno dopo 10 giorni dall’accettazione delle domande che hanno iniziato ad affluire dal 15 giugno scorso: lo ha confermato Ernesto Maria Ruffini, Direttore dell’Agenzia delle Entrate partecipando al convegno “Obiettivo rilancio – Speciale Telefisco – Videoforumedition” organizzato da Il Sole 24 Ore. “Come sancito dalla norma e illustrato dalla nostra circolare prendiamo in considerazione i contributi a fondo perduto che non hanno una natura fiscale, una misura del tutto nuova per l’Agenzia delle Entrate. E’ una procedura che abbiamo messo in campo in pochissimo tempo con Sogei, abbiamo firmato un protocollo con il ministero dell’Interno e dell’Economia per i controlli anti-mafia e ora siamo in grado di erogare i contributi a scalare, a seconda di quando è stata presentata la domanda”. Quindi “dovremmo rispettare i tempi detti sin dall’inizio: 10 giorni dall’accettazione delle domande che hanno iniziato ad entrare il 15 giugno”. Si tratta di una “procedura straordinaria che non è soggetta a particolari controlli se non quelli per evitare controindicazioni evidenti”.

domande contributi fondo perduto
I contributi a fondo perduto (Il Sole 24 Ore, 15 giugno 2020)

Passando ai rimborsi fiscali, ha continuato Ruffini, “in linea generale in questi anni i tempi di liquidazione e pagamento sono stati notevolmente ridotti, ma continuando a semplificare passaggi e procedure sarà possibile migliorare ancora. Ad esempio, da quest’anno in applicazione del decreto del Mef del 22 novembre 2019, per i contribuenti che non comunicano all’Amministrazione finanziaria il loro codice Iban, i contribuenti si vedranno recapitare in pochi giorni per via raccomandata un assegno emesso dalle Poste, anziché il tradizionale vaglia che veniva emesso entro sei mesi. Per l’IVA i tempi medi di pagamento sono di circa 90 giorni dalla data di presentazione della domanda di rimborso, dobbiamo cercare di ridurli e in tal senso sono state diramate istruzioni alle strutture territoriali affinché, in particolare in questo momento, la capacità operativa sia impegnata prioritariamente sui rimborsi”.

Leggi anche: Come COVID-19 taglierà gli importi delle pensioni