Economia

Lega e M5S vogliono prezzi uguali per tutti i siti di e-commerce

carta docente amazon bonus cultura

Sembra una boutade ma a quanto pare non lo è: la Lega e il MoVimento 5 Stelle vogliono il prezzo politico per le vendite online. E inseriranno, ha scritto ieri l’agenzia di stampa AGI, le norme in una proposta di legge che da giovedì viaggerà spedita in Commissione Attività Produttive della Camera sulle chiusure domenicali per gli esercizi commerciali.

Lega e M5S vogliono prezzi uguali per tutti i siti di e-commerce

Secondo le indiscrezioni il governo dovrà poi affiancarsi alla maggioranza in parlamento per evitare che in alcuni Paesi le piattaforme di vendita più famose al mondo (da Alibaba ad Amazon ed E-Bay solo per fare alcuni esempi) possano godere di vantaggi a livello fiscale, vantaggi che poi si tramutano in prezzi più bassi da offrire sul Web. “Spesso questi siti – denunciano all’AGI sia nella Lega che nel Movimento 5 stelle – sono collegati a società fittizie all’estero che usufruiscono di agevolazioni sull’Iva al contrario delle imprese italiane”. L’obiettivo non è quello – spiegano ancora nella maggioranza – di frenare la corsa dell’E-commerce, ma solo di varare regole per tutti. Oltre alla battaglia da condurre nell’Unione europea sul piano fiscale, si punta a tracciare le merci che vengono vendute in Internet.

Tramite la piattaforma Blockchain, con un sistema di algoritmi con il quale mappare tutti i siti di vendita online. E creare una piattaforma unica sul Web proprio del Made in Italy. Si agirà poi anche quando si avvierà nell’Aula della Camera dei deputati la discussione sulla Web Tax. Lega e M5s non nascondono la difficoltà di un intervento ad hoc a livello normativo, il rischio è quello di andare incontro a misure anti-costituzionali e ad uno stop dell’Unione europea. “Ma la volontà – spiega per esempio il pentastellato De Toma – è di andare fino in fondo”.

 

Niente sconti, siamo italiani: vogliamo pagare il prezzo pieno!

Sulla stessa lunghezza d’onda la Lega che, tra l’altro, con il deputato Belotti, ha presentato alla Camera una proposta di legge per porre una stretta alla “svendita” e agli “sconti” sui libri sulle piattaforme tipo Amazon. Un sostegno ai piccoli librai e alle librerie indipendenti messe in ginocchio “dalla concorrenza delle grandi catene e degli store online, che vendono i libri notevolmente scontati”. “Le grandi società che distribuiscono libri nelle proprie catene possono – si osserva nella proposta di legge – beneficiare di utili del 90% sui libri che vendono e non del 30% come le piccole librerie e quindi possono permettersi di applicare gli sconti”.

Per questo motivo il partito di via Bellerio propone di modificare la legge Levi (dal nome del presidente della Associazione Italiana Editori) del 2011 e ridurre non più al 15% ma al 5% il tetto massimo per gli sconti. È una stretta per i siti che vendono i libri online, sul modello di quanto accaduto in Francia. Si introduce anche il divieto “di effettuare svendite di libri a catalogo” e si affida “alle autorità preposte, quali la Polizia postale e la Guardia di finanza” il controllo delle vendite online. Le anticipazioni sulla proposta di legge non spiega in che modo si dovrebbe ottenere il risultato di avere prezzi uguali per tutti i prodotti. Di certo l’obiettivo porterà a un solo risultato tangibile: l’aumento dei prezzi per i consumatori. Il cetriolo finisce sempre nel posto giusto.

Leggi sull’argomento: Pensioni, quanto si perde con quota 100 e opzione donna