La macchina del funky

MDP, Pietro Grasso vale fino al 10%

giuliano pisapia pietro grasso

Una nuova creatura a sinistra guidata dal presidente del Senato Pietro Grasso potrebbe arrivare fino al 10% al voto, dicono i sondaggisti oggi a La Stampa che ne parla in un articolo a firma di Andrea Carugati:

Tra i sondaggisti il nuovo soggetto di sinistra non è stato ancora ufficialmente testato. «Finora abbiamo raccolto la somma delle varie sigle, da Mdp a Sinistra italiana e sono intorno al 6,5%», spiega Fabrizio Masia di Emg. «A nostro avviso il potenziale è tra il 9 e il 10%, ma non è un risultato scontato. Molto dipenderà dal tipo di campagna che avremo e dall’appello del Pd al voto utile». Concorda il presidente di Ixè Roberto Weber: «Per noi si collocano tra il 6 e il 10%. Circa la metà dei voti arriveranno dalla ex sinistra radicale, altrettanti da elettori delusi dal Pd».
Secondo Weber, «la figura di Grasso non ha un potenziale elettorale in sé. Per la sinistra è indispensabile la figura di un federatore che trasmetta simbolicamente l’idea di unità». Diverso il tema dei collegi delle regioni rosse. Secondo Masia e Weber la divisione tra Pd e sinistra potrebbe far perdere ai dem tra 20 e 30 collegi. «Quelli dove il vantaggio Pd è meno sensibile», dice Masia. Weber annota che, «come è avvenuto in Sicilia con i voti al candidato grillino Cancelleri superiori a quelli della lista, il voto in uscita dal Pd si sta orientando più verso il M5S che verso la sinistra. I grillini vengono percepiti dagli elettori dem delusi come un più solido argine contro Berlusconi. Un argomento destinato a pesare soprattutto in Emilia e Toscana».

sondaggi m5s pd
La rilevazione di Pagnoncelli pubblicata oggi sul Corriere della Sera (11 novembre 2017)

Si parla ovviamente di un soggetto unitario, con Pisapia, che permetterebbe di raddoppiare le percentuali che oggi sono indicate come appannaggio della sinistra da Nando Pagnoncelli nella rilevazione del Corriere. Una percentuale che potrebbe far cambiare i risultati della corsa nei collegi uninominali:

Una preoccupazione, quella per i collegi a rischio, che continua ad animare la discussione dentro il Pd. Le minoranze di Andrea Orlando, Gianni Cuperlo e Cesare Damiano hanno preparato un ordine del giorno per i gruppi Pd (che si potrà anche trasformare in un documento per la direzione) in cui si ribadisce la richiesta di costruire una coalizione anche con Mdp. E per farlo si propone di «riaprire un confronto sulla disciplina dei licenziamenti disciplinari e collettivi», quando arriveranno in Aula (tra una decina di giorni) le proposte di legge delle sinistre sul ripristino dell’articolo 18.

Leggi sull’argomento: La Sinistra si accorge che M5S sono gli «utili idioti» del sistema