Opinioni

Paolo Ferrara si autosospende dal M5S

Paolo Ferrara si autosospende dal MoVimento 5 Stelle. Lo ha annunciato lui stesso in un post sulla sua pagina Facebook dopo l’indagine per traffico di influenze illecite che lo riguarda a carico di Luca Parnasi, costruttore dello Stadio della Roma a Tor di Valle. Paolo Ferraraavrebbe ottenuto da Parnasi un progetto per il restyling del lungomare di Ostia, “una cosa che avrebbe poi potuto rivendicare politicamente”, ha spiegato Ielo. Il Procuratore però ha anche chiarito che sui fatti oggetto d’indagine “ci sono fatti leciti, altri illeciti e altri ancora da verificare”. Quello contestato a Ferrara fa parte di quest’ultima categoria. Indagato anche Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia in Campidoglio

paolo ferrara

Al capogruppo del Movimento 5 Stelle in Campidoglio Paolo Ferrara  la Procura di Roma contesta in concorso con Luca Parnasi, e di due dirigenti di Eurnova srl, Luca Caporilli e Giulio Mangosi, il reato di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Nel testo dell’ordinanza si legge che “Luca Parnasi, presidente di Eurnova Srl per tramite e con la mediazione di Caporilli e Mangosi prometteva ed effettivamente erogava in favore di Paolo Ferrara, per lo svolgimento della sua funzione e per il compimento di singoli atti e comportamenti riconducibili al suo ufficio (con riferimento all’iter procedurale relativo al nuovo stadio della Roma ed in particolare votando a favore della conferma in data 14 giugno 2017, della dichiarazione di pubblico interesse del progetto ‘nuovo stadio della Roma’) ed in genere per l’asservimento della sua funzione agli interessi del Parnasi e del gruppo imprenditoriale a lui riconducibile, in violazione di doveri istituzionali di imparzialità e correttezza, utilità consistite nella realizzazione di un progetto di restyling del municipio di Ostia, che il Ferrara usava come proprio”.

paolo ferrara m5s libera ostia 1

Tra gli indagati nell’operazione “rinascimento” della procura di Roma c’è anche Giampaolo Gola assessore allo Sport del Municipio X. Nel testo dell’ordinanza di custodia cautelare si legge che Gola in qualità di pubblico ufficiale assessore allo sport del Municipio X sfruttando le relazioni esistenti con Paolo Ferrara presidente del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle al Comune di Roma si faceva indebitamente promettere da Luca Parnasi presidente del consiglio di amministrazione di Euronova srl a titolo di prezzo della propria mediazione illecita nei confronti di Ferrara un incarico lavorativo presso l’As Roma presso il Coni o in subordine presso la società Ampersand riferibile al Parnasi. Gli esponenti del sodalizio si legge ancora nell’ordinanza hanno offerto a Giampaolo Gola assessore allo Sport presso il X Municipio di Roma Capitale in ragione della posizione pubblica rivestita e della particolare vicinanza personale e di partito a Ferrara una collocazione lavorativa nella compagine sociale della AS Roma all’interno del Coni o in società del gruppo Parnasi.

Leggi sull’argomento: Cosa c’è nell’inchiesta sullo Stadio della Roma